confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

ANNO IV NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2021

HomeArchivio

23 giugno 2021

ANNO IV NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2021

HomeArchivio

20 settembre 2021

ANNO IV NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2021

HomeArchivio

14 dicembre 2021

ANNO V NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2022

HomeArchivio

22 marzo 2022

ANNO V NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2022

HomeArchivio

22 giugno 2022

ANNO V NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2022

HomeArchivio

29 settembre 2022

ANNO V NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2022

HomeArchivio

28 dicembre 2022

ANNO VI NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2023

HomeArchivio

28 marzo 2023

ANNO VI NUMERO 2/3 - aprile - settembre 2023

HomeArchivio

20 settembre 2023

ANNO VI NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2023

HomeArchivio

12 dicembre 2023

ANNO VII NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2024

HomeArchivio

25 marzo 2024

GLI ESPERTI RISPONDONO

Valditara batte cassa al Mef per risollevare la scuola e i suoi lavoratori: ho fatto richieste molto precise. Esito subito dalla Legge di Bilancio

C’è molta curiosità su come il Governo deciderà di trattare la Scuola nella prima “vera” Legge di Bilancio prodotta dall’attuale coalizione di Centro-Destra: sull’Istruzione vi sono diversi nodi da sciogliere, la maggior parte dei quali legati alla quantità di soldi che l’esecutivo vorrà investire, soprattutto per il rinnovo del contratto per il quale non si può utilizzare nemmeno un euro dei fondi del Pnrr.

Tra timori e speranze

Il timore degli addetti ai lavori, sindacati in testa, è che il periodo di inflazione generalizzata e la perdurante guerra in Ucraina non possano permettere di investire sulla Scuola. Anzi, c’è chi paventa ulteriori manovre al risparmio, come il mini-dimensionamento della scora ex Finanziaria che ha previsto la cancellazione di almeno 600 scuole autonome in alcuni anni.

E dalla stessaNadef, la nota di aggiornamento del documento di economia e finanza, non sembrano arrivare segnali positivi, tanto che il leader della Cgil, Maurizio Landini, ha già tenuto a fare sapere che “se il governo ci incontrerà a cose fatte, per raccontarci una manovra già scritta, proporremo a Cisl e Uil di valutare tutte le iniziative di contrasto, compreso lo sciopero”.

C’è da capire cosa verrà accolto

Sulla questione è intervenuto, il 4 ottobre parlando a margine dell’evento di Sky per le celebrazioni di “Sky 20 anni”, anche il ministro dell’Istruzione e del Merito, Giuseppe Valditara: tra i tanti argomenti trattati, il numero uno del dicastero bianco ha voluto anche rassicurare tutti: per la scuola, ha dichiarato Valditara, “ho fatto delle richieste al ministero dell’economia, ci confronteremo per le risposte a queste istanze. Vediamo nelle prossime settimane, io ho fatto delle richieste molto precise e ci confronteremo per capire quali di queste richieste possono essere accolte”.

Un doppio messaggio

Dalle parole del Ministro, quindi, sembra trapelare un doppio messaggio: la presa di coscienza che al comparto non possono bastare i soldi europei del Piano nazionale di ripresa e resilienza, anche perché si tratta di fondi a tempo determinato e soprattutto non fruibili per determinate impellenze, come gli stipendi del personale che senza i miliardi necessari rimarranno ancora una volta al palo e con l’ennesimo contratto scaduto da troppo tempo.

Se però, come probabile, le richieste prodotto al Mef dal professore Giuseppe Valditara dovessero portare a poco o nulla, allora già oggi sappiamo con chi dovremo prendercela.

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF