confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

ANNO IV NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2021

HomeArchivio

23 giugno 2021

ANNO IV NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2021

HomeArchivio

20 settembre 2021

ANNO IV NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2021

HomeArchivio

14 dicembre 2021

ANNO V NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2022

HomeArchivio

22 marzo 2022

ANNO V NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2022

HomeArchivio

22 giugno 2022

ANNO V NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2022

HomeArchivio

29 settembre 2022

ANNO V NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2022

HomeArchivio

28 dicembre 2022

ANNO VI NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2023

HomeArchivio

28 marzo 2023

ANNO VI NUMERO 2/3 - aprile - settembre 2023

HomeArchivio

20 settembre 2023

ANNO VI NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2023

HomeArchivio

12 dicembre 2023

ANNO VII NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2024

HomeArchivio

25 marzo 2024

GLI ESPERTI RISPONDONO

Giornata mondiale degli insegnanti, Valditara: “Rendiamo onore alla professione più bella del mondo”

Il ministro dell’Istruzione e del Merito Giuseppe Valditara ha scritto un messaggio su Twitter in occasione della Giornata mondiale degli insegnanti che cade oggi, 5 ottobre. Ecco le sue parole rivolte ai docenti:

“Con la giornata mondiale degli insegnanti rendiamo onore alla professione più bella del mondo, quella che dà un futuro ai nostri giovani. Rimettiamo la scuola al centro della società”, ha scritto.

 

Ma è davvero la professione più bella del mondo?

Gli insegnanti si sentono soddisfatti? Com’è cambiata la professione in questi anni e com’è cambiata la gestione degli alunni e della classe? Quali sono le ambizioni degli insegnanti e perchè spesso non si riesce ad avere un buon rapporto coi dirigenti scolastici? Di tutto questo e di tanto altro si parlerà nell’appuntamento della Tecnica della Scuola, domani, giovedì 5 ottobre, alle ore 15,00.

Ospiti della diretta il docente e sociologo dell’Università Bicocca di Milano Gianluca Argentin, il pedagogista Roberto Maragliano e il presidente dell’Associazione Nazionale Presidi Roma Mario Rusconi. A partecipare anche la psicologa Monica Barisone. Coordinerà il direttore della Tecnica della Scuola Alessandro Giuliani.

Le sfide dei docenti di oggi

Come abbiamo scritto da quasi trent’anni il 5 ottobre si celebra la Giornata mondiale degli insegnanti: era il 1994 quando l’Unesco decise di commemorare la firma della Raccomandazione sullo status dei docenti prodotta a Parigi esattamente 28 anni prima (il 5 ottobre 1966). L’obiettivo era e rimane quello di suscitare riflessioni sul ruolo dei professionisti della formazione, sulle sfide che affrontano ogni giorno, sulle difficili condizioni di lavoro a cui sono spesso sottoposti. Condizioni che in Italia si traducono in una professione pagata alla pari di quella di un operaio non specializzato, che non dà possibilità di fare carriera (tranne per meno l’1% che diventa preside), che per portare all’assunzione a tempo indeterminato continua a fare attendere anche diversi lustri, che non viene nemmeno considerata usurante (tranne nel primo ciclo) per permettere di potere andare in pensione qualche anno prima. Per non parlare degli ultimi anni, duranti i quali chi insegna deve fare anche i conti con le violenze gratuite (fisiche, psicologiche e virtuali) prodotte da sempre più studenti e famiglie.

La Tecnica della Scuola augura agli insegnanti di vivere al meglio la loro Giornata mondiale.

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF