confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

ANNO IV NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2021

HomeArchivio

23 giugno 2021

ANNO IV NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2021

HomeArchivio

20 settembre 2021

ANNO IV NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2021

HomeArchivio

14 dicembre 2021

ANNO V NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2022

HomeArchivio

22 marzo 2022

ANNO V NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2022

HomeArchivio

22 giugno 2022

ANNO V NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2022

HomeArchivio

29 settembre 2022

ANNO V NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2022

HomeArchivio

28 dicembre 2022

ANNO VI NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2023

HomeArchivio

28 marzo 2023

ANNO VI NUMERO 2/3 - aprile - settembre 2023

HomeArchivio

20 settembre 2023

ANNO VI NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2023

HomeArchivio

12 dicembre 2023

ANNO VII NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2024

HomeArchivio

25 marzo 2024

GLI ESPERTI RISPONDONO

Contratto scuola: l’Aran convoca i sindacati per il contratto; la firma sembra più vicina

Sindacati convocati la prossima settimana presso la sede dell’Aran per proseguire il confronto sul Contratto nazionale: la notizia è di queste ore e le modalità della convocazione (due giorni interi consecutivi, il 12 e il 13 luglio) fanno pensare ad una firma ormai imminente.
Le questioni in sospeso relative ai profili professionali del personale ATA sembrano ormai risolte, mentre gli aspetti economici ancora da definire sono talmente minimi (ci sono da distribuire pochi spiccioli, una decina di euro netti a testo) che non dovrebbero esserci troppo difficoltà a trovare un accordo.
Il tema del codice disciplinare dei docenti continuerà quasi certamente a rimanere irrisolto e rimandato ad una sequenza contrattuale (viste le esperienze passate questa decisione equivarrebbe a rinviare il problema ad un futuro contratto, con il risultato di lasciare che per i docenti vi sia un trattamento assai meno favorevole rispetto al personale Ata).
Attualmente, infatti, per il personale Ata è prevista la sanzione disciplinare “concordata”, mentre i docenti possono impugnare le sanzioni solamente proponendo un ricorso, con costi non propriamente popolari, al giudice del lavoro.
Da più di un anno i sindacati sostengono che con il CCNL si deve risolvere definitivamente anche il tema della mobilità in modo da sottrarre alla legge la facoltà di intervenire sulla materia.
Vedremo quindi se almeno su questo si riuscirà a trovare una soluzione.
La stessa questione della formazione e dell’aggiornamento professionale rischia di rimanere irrisolta anche questa volta.
E’ probabile che venga consolidata la definizione della istituzione scolastica come “comunità educante”: definizione certamente “alta” ma un po’ retorica e sostanzialmente inutile, dal momento che non può essere certamente un contratto di lavoro a “imporre” a soggetti esterni come i genitori di sentirsi parte di una comunità educante).

Resta il fatto che – come già accaduto altre volte in passato – questa convocazione per due giorni consecutivi sembra indicare la volontà delle parti di arrivare alla firma definitiva del CCNL; se dovesse essere rispettata la tradizione è possibile che la firma arrivi proprio nel secondo giorno, o meglio nella notte fra il 13 e il 14 luglio

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF