confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

ANNO IV NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2021

HomeArchivio

23 giugno 2021

ANNO IV NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2021

HomeArchivio

20 settembre 2021

ANNO IV NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2021

HomeArchivio

14 dicembre 2021

ANNO V NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2022

HomeArchivio

22 marzo 2022

ANNO V NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2022

HomeArchivio

22 giugno 2022

ANNO V NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2022

HomeArchivio

29 settembre 2022

ANNO V NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2022

HomeArchivio

28 dicembre 2022

ANNO VI NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2023

HomeArchivio

28 marzo 2023

ANNO VI NUMERO 2/3 - aprile - settembre 2023

HomeArchivio

20 settembre 2023

ANNO VI NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2023

HomeArchivio

12 dicembre 2023

ANNO VII NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2024

HomeArchivio

25 marzo 2024

GLI ESPERTI RISPONDONO

Addio a 700 scuole autonome, per Valditara solo vantaggi: zero tagli, 88 milioni di euro risparmiati da dare pure al personale. Regioni in rivolta

Entro il 31 agosto il ministro dell’Istruzione Giuseppe Valditara dovrà emanare un decreto ministeriale ad hoc per rendere operativa la norma sul nuovo dimensionamento scolastico prevista dalla Legge di Bilancio: dal 2024/2025 scatteranno centinaia di accorpamenti e fusioni di scuole, perché il nuovo numero minimo per mantenere l’autonomia diventerà di 961 allievi. Ogni Regione potrà introdurre delle deroghe, ad esempio per le scuole di montagna o delle piccole isole: in questi casi, però, si dovrà compensare con un altro istituto.

In arrivo maxi-scuole da quasi 2 mila alunni?

Significa che se si tiene in vita una scuola autonoma con 200 alunni, un’altra scuola di quel territorio dovrà averne almeno 1.700. Tutte le Regioni di sinistra hanno già detto che impugneranno il decreto del ministro. E anche due del centro-destra. Per alcune, come la Toscana, sarebbe la seconda iniziativa giudiziaria contro questa politica scolastica.

Il ministro Giuseppe Valditara ha spiegato che “i dirigenti non dovranno più stilare più bilanci relativi alle reggenze e cadranno i vincoli minimi di studenti per istituire un’autonoma scolastica. In particolare, per le scuole di montagna ci potrà essere un’autonomia scolastica con solo 100 studenti. Spetterà alle singole Regioni la decisione di come compensare”.

Le Regioni che dicono ‘no’

Molte Regioni, però, non ci stanno. “Provate a immaginare che cosa significherebbe in Italia il programma scolastico orientato dalla Lega Nord, avremo un contro-Risorgimento e questo non va bene”, ha detto l’assessora alla Scuola della Campania, Lucia Fortini.

Solo in Campania, scrive l’Ansa, si prevede una riduzione di 120 istituti in totale in tutta la Regione che passerebbe dalle attuali 959 scuole a 839.

“Le scuole del Sud e dei centri montani – argomenta Nota Iolanda Molinaro, assessore all’Istruzione del comune di Vallo della Lucania – saranno quelle maggiormente pregiudicate. Si tornerà ad avere istituti che distano chilometri dal proprio paese e la riduzione dei docenti e del personale Ata imporrà un aumento del numero di alunni nelle classi a discapito dell’efficacia dell’azione educativa”.

Il ministro ribatte: grande equivoco

Il ministro Giuseppe Valditara, però, non si scompone. E ribatte, ricordando che al massimo si prevedono degli accorpamenti scolastici: “sulla questione del dimensionamento credo ci sia stato un grande equivoco, nessuna scuola, intesa come struttura, insegnanti, banchi, chiuderà“.

Il titolare del dicastero bianco, inoltre, ricorda che quella presa è una decisione dettata dai parametri imposti da Bruxelles.

“Si tratta – ha sottolineato Valditara – di una riforma obbligata, anche in linea con quanto definito dal precedente governo in accordo con la Commissione Europea. Noi in Italia abbiamo qualcosa come 866 reggenze, nell’arco di 9 anni avremo un dimensionamento che interesserà circa 700 autonomie in tutta Italia. Ma questo ci consentirà di dare dignità a quelle reggenze, trasformandole in unità giuridiche dotate alla dirigenza a tutti gli effetti”. Stando ai numeri resi noti dal ministro, significa che in media ogni regione dovrà perdere, nel volgere di qualche anno, tra le 30 e le 35 scuole autonome, un numero non proprio insignificante.

E ancora: questi nuovi parametri per l’autonomia scolastica, dice Valditara, non prevedono alcuna “chiusura di plessi ma solo l’eliminazione progressiva delle reggenze. Grazie ai risparmi che otterremo in nove anni in un percorso che avrà inizio nel 2024/25 avremo 88 milioni di euro di risparmio da reinvestire, specie nel personale“.

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF