confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

ANNO IV NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2021

HomeArchivio

23 giugno 2021

ANNO IV NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2021

HomeArchivio

20 settembre 2021

ANNO IV NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2021

HomeArchivio

14 dicembre 2021

ANNO V NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2022

HomeArchivio

22 marzo 2022

ANNO V NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2022

HomeArchivio

22 giugno 2022

ANNO V NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2022

HomeArchivio

29 settembre 2022

ANNO V NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2022

HomeArchivio

28 dicembre 2022

ANNO VI NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2023

HomeArchivio

28 marzo 2023

ANNO VI NUMERO 2/3 - aprile - settembre 2023

HomeArchivio

20 settembre 2023

ANNO VI NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2023

HomeArchivio

12 dicembre 2023

ANNO VII NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2024

HomeArchivio

25 marzo 2024

GLI ESPERTI RISPONDONO

SCUOLA: LE PATOLOGIE CRONICHE

Intervista a Rino Di Meglio, segretario generale della Confederazione Generale Sindacale e coordinatore nazionale della Federazione Gilda Unams.

A cura di Mara Passafiume.

È iniziato un nuovo anno scolastico e torniamo a fare i conti con le patologie croniche della scuola italiana.

La recente fotografia del Rapporto annuale dell’Ocse “Education at a glance 2023” – presentato il 12 settembre al Ministero dell’Istruzione e del Merito – mette sul tavolo alcune importanti problematiche, ancora irrisolte, del sistema di istruzione del nostro Paese.

Di questo e d’altro parliamo con Rino Di Meglio, segretario generale Cgs e coordinatore nazionale Fgu.

Segretario, il Rapporto dell’Ocse “Education at a glance 2023” ci dice anzitutto che, per quanto riguarda la spesa per l’istruzione, l’Italia spende poco e male, con notevoli squilibri tra i diversi livelli di istruzione.

Spendiamo praticamente un punto di Pil in meno rispetto alla media europea, si tratta di una cifra enorme che viene sottratta in Italia all’istruzione.

Abbiamo anche il più alto indice di abbandono scolastico, è un fenomeno drammatico che colpisce soprattutto il Sud del Paese. Sono dati che i Governi succedutisi conoscono benissimo, ma i loro interventi si fermano ad azioni ad effetto di tipo propagandistico, senza affrontare il cuore del problema.

Se gli investimenti fatti negli anni per l’edilizia scolastica sono rimasti privi di effetto, non dipenderà magari dal cattivo funzionamento proprio delle autonomie locali?

Gli stipendi dei docenti italiani restano bassi e sappiamo che a ciò si aggiunge la forte perdita in termini di potere d’acquisto dovuta all’inflazione. La Gilda sta portando avanti da molti anni questa battaglia affinché vi sia una rivalutazione della figura dell’insegnante, sia sul versante economico che sociale. A che punto siamo?

Quella delle retribuzioni sta diventando un’emergenza perché la perdita del potere di acquisto è molto pesante, ed è superiore al 4% di perdita del valore reale degli stipendi degli insegnanti di cui parla l’Ocse.

Il conto è presto fatto: negli ultimi due anni l’inflazione è stata del 19%, sottraiamo il 4% del contratto tardivo 2019/2021, il danno reale è attorno al meno 15%.

Lei ha recentemente sottolineato che la macchina del reclutamento degli insegnanti continua ad essere in affanno e che il caro-vita e il caro-casa contribuiscono a rendere più difficile la situazione. In quali aree del Paese si registrano maggiormente questi problemi?

Gli insegnanti non si spostano più perché il costo della vita nelle grandi aree urbane è diventato impossibile. Se l’affitto sfiora i mille euro, con i trecentocinquanta che restano l’insegnante paga le bollette e poi vive di aria.

Il Rapporto Ocse traccia un’immagine preoccupante anche in tema di abbandono scolastico: un giovane su cinque è senza diploma, ovvero il 22% contro il 14% della media Ocse. A cosa è da attribuire questo fenomeno nel nostro Paese?

Soprattutto alle differenze sociali. Basta guardare la distribuzione territoriale degli abbandoni.

Occorre rafforzare l’immagine della scuola quale ascensore sociale, non bastano le parole, bisogna intervenire con concretezza.

Sicuramente la politica che continua a scaricare sulla scuola continue educazioni indebolisce il prestigio dell’insegnamento e ne demolisce la funzione fondamentale.

Perché non si apre una riflessione sul rapporto tra istituzione dell’autonomia scolastica ed abbassamento della qualità dell’istruzione? È un dogma di fede o ne possiamo ragionare?

Per dirla con una metafora, è chiaro che non basta solo un buon medico per curare le malattie della nostra scuola. Secondo lei, cosa serve davvero per superare la maggior parte dei problemi cronici?

Meno fiori, ovvero propaganda, e più opere di bene, ovvero risorse economiche.

M.P.

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF