confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

ANNO IV NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2021

HomeArchivio

23 giugno 2021

ANNO IV NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2021

HomeArchivio

20 settembre 2021

ANNO IV NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2021

HomeArchivio

14 dicembre 2021

ANNO V NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2022

HomeArchivio

22 marzo 2022

ANNO V NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2022

HomeArchivio

22 giugno 2022

ANNO V NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2022

HomeArchivio

29 settembre 2022

ANNO V NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2022

HomeArchivio

28 dicembre 2022

ANNO VI NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2023

HomeArchivio

28 marzo 2023

ANNO VI NUMERO 2/3 - aprile - settembre 2023

HomeArchivio

20 settembre 2023

ANNO VI NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2023

HomeArchivio

12 dicembre 2023

GLI ESPERTI RISPONDONO

RINNOVARE I CONTRATTI, ATTUARE IL NUOVO ORDINAMENTO PROFESSIONALE, RAFFORZARE GLI ORGANICI, RILANCIARE LA DIGITALIZZAZIONE E IL LAVORO AGILE

Le principali richieste della FLP al Ministro Zangrillo nell’incontro a Palazzo Vidoni

 

A distanza di più di tre mesi dall’insediamento del nuovo Governo, il 3 marzo le Confederazioni rappresentative hanno incontrato il Ministro PA, Paolo Zangrillo.

La FLP, presente con il suo Segretario Marco Carlomagno, ha ribadito al Ministro le criticità connesse al ritardo con cui si è avviato il confronto, rappresentando le priorità da affrontare subito, per ricercare soluzioni adeguate alle aspettative del Paese e delle lavoratrici e dei lavoratori pubblici.

Innanzitutto l’avvio immediato delle trattative per il rinnovo dei Contratti scaduti a dicembre del 2021, chiudendo quelli della tornata precedente ancora fermi al palo come quello della PCM e quelli di tutte le aree della dirigenza.

Per la FLP il morso dell’inflazione a due cifre e i rinnovi precedenti effettuati con forte ritardo, dopo anni di blocco forzoso e con parametri di rivalutazione degli stipendi inadeguati all’andamento dei prezzi, certificano una perdita del potere di acquisto che in questi anni ha raggiunto il 30%, ponendo l’Italia tra i fanalini di coda dell’Unione Europea, e rendono  assolutamente necessaria una netta inversione di tendenza nel DEF e nella prossima legge di stabilità per adeguare stipendi e retribuzione complessiva dei pubblici dipendenti all’attuale costo della vita.

Inoltre Carlomagno ha evidenziato che bisogna ancora dare attuazione ai nuovi ordinamenti professionali (area delle elevate professionalità, progressioni tra le aree, attribuzione dei differenziali stipendiali), che a distanza di 1 anno dalla loro entrata in vigore non sono stati ancora applicati in nessuna Amministrazione. Così come bisogna dare continuità alle nuove politiche di reclutamento, indispensabili per ripianare gli organici delle Amministrazioni, centrali e territoriali ormai ridotti all’osso, superando la precarizzazione dei rapporti di lavoro e procedendo alla loro stabilizzazione.

Occorre proseguire con decisione sulla strada dell’innovazione organizzativa e della digitalizzazione dei processi, implementando la connettività tra Amministrazioni, e tra le stesse e i cittadini e gli utenti, rendendo interoperabili le banche dati e rafforzando le nuove forme di lavoro a distanza.

Sul lavoro agile è assolutamente inaccettabile quanto sta avvenendo in gran parte delle Amministrazioni dove, a fronte delle dichiarazioni dello stesso Ministro Zangrillo di incoraggiarlo quale fattore decisivo per modernizzare Amministrazioni e modelli organizzativi, si assiste invece in molte realtà a un nuovo incredibile dietro front, con conseguenze negative non solo sulla conciliazione vita lavoro, ma anche sulla qualità dei servizi resi e sulla stessa trasformazione in senso democratico, aperto e partecipativo delle Amministrazioni interessate. La richiesta FLP è quella dell’emanazione di direttive di funzione pubblica che trasformino in indirizzi operativi le aperture più volte rilanciate dal Ministro Zangrillo.

La FLP contrasterà con forza ogni idea di tornare indietro, di ripristinare sistemi arcaici e feudali di gestione della cosa pubblica.

Roberto Cefalo

 

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF