confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

ANNO IV NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2021

HomeArchivio

23 giugno 2021

ANNO IV NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2021

HomeArchivio

20 settembre 2021

ANNO IV NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2021

HomeArchivio

14 dicembre 2021

ANNO V NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2022

HomeArchivio

22 marzo 2022

ANNO V NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2022

HomeArchivio

22 giugno 2022

GLI ESPERTI RISPONDONO

Perché è necessario non trascurare le elezioni delle RSU? Perché è importante far votare la Federazione Gilda Unams?

Il 5, 6 e il 7 aprile 2022 si terranno le elezioni per il rinnovo delle RSU. La FGU Gilda Unams ha presentato le liste nelle istituzioni scolastiche e ora i nostri candidati sono impegnati nella campagna elettorale.

Ma perché queste elezioni sono così importanti? Oltre alle Contrattazioni d’Istituto alle quali parteciperanno le RSU elette in ciascuna scuola, queste elezioni sono importanti perché, come ha spiegato il Segretario Generale della CGS, Rino Di Meglio, durante un’assemblea, queste elezioni “servono per determinare la rappresentatività del sindacato a livello nazionale”.

La rappresentatività è infatti determinata come “media tra il numero degli iscritti che hanno rilasciato la delega al sindacato e la somma dei voti presi in ciascuna scuola durante le elezioni delle RSU”.

Quindi, scuola per scuola verranno elette le RSU per la contrattazione d’Istituto, poi però, i voti espressi in ciascuna scuola confluiranno all’ARAN – l’Agenzia per la Rappresentanza Negoziale delle P.A. – dove sulla base della loro somma è determinata – a livello nazionale – la rappresentatività del sindacato.

I candidati della Federazione Gilda Unams dovrebbero spiegare bene questo aspetto agli elettori: non si tratta di votare il collega che è più o meno simpatico; in realtà il voto è utilizzato per stabilire la rappresentatività nazionale del sindacato.

E non possiamo dimenticare che la FGU costituisce una “trincea” di tutela professionale in difesa del ruolo dell’insegnante, ormai dimenticato e/o rimosso dalla politica.

La Gilda Unams – fin dalla sua nascita nel 1988 – ha chiesto che fosse istituita un’area di “contrattazione separata” tra docenti e personale ATA, sostenendo che la professione docente non può essere equiparata al lavoro – pur importante – del personale ATA. Semplicemente perché radicalmente diverso!

Inoltre, la Gilda Unams si è sempre battuta (e continuerà a farlo) affinché il FIS non venga utilizzato per retribuire funzioni strettamente legate agli aspetti gestionali/organizzativi e, da subito, ha fortemente avversato – nelle piazze e nelle sedi istituzionali – la legge 107 del 2015, riuscendo ad abolire la chiamata diretta e la distribuzione del bonus a discrezione del dirigente scolastico.

La FGU inoltre – in tempi di Covid-19 – è stata l’unica organizzazione sindacale a non sottoscrivere i protocolli di sicurezza che di scientifico avevano ben poco, come dimostrano le affermazioni di Agostino Miozzo, ex coordinatore del CTS, che ha certificato – durante una diretta streaming con Tecnica della Scuola lo scorso 23 febbraio – che le misure (come la distanza di un metro dalle rime buccali) furono adottate “stiracchiando la scienza” ed erano ispirate dall’opportunità politica perché “sapevamo che quel metro poteva creare un 30% di classi in più e questo significava il 30% di docenti in più, il 30% di personale scolastico in più, ore in più”. La FGU, inoltre, non ha sottoscritto il CCNI per la didattica digitale integrata, né il Piano Scuola del Ministro Bianchi, perché in questi atti ha ravvisato la volontà di mortificare la Professione Docente e di trasformare il Sistema Scolastico in un “servizio”.

Infine – ricordiamo pure questo ai colleghi – la Gilda Unams è stata la prima organizzazione sindacale a chiedere stipendi in linea con quelli degli insegnanti degli altri paesi europei perché siamo convinti che la valorizzazione dei docenti passi anche attraverso l’aumento degli stipendi.

 

Giuseppe Candido

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF