confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

ANNO IV NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2021

HomeArchivio

23 giugno 2021

ANNO IV NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2021

HomeArchivio

20 settembre 2021

ANNO IV NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2021

HomeArchivio

14 dicembre 2021

ANNO V NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2022

HomeArchivio

22 marzo 2022

ANNO V NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2022

HomeArchivio

22 giugno 2022

ANNO V NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2022

HomeArchivio

30 settembre 2022

GLI ESPERTI RISPONDONO

NurSind annuncia lo sciopero degli infermieri. Erogare indennità infermieristica subito

Relativamente al contratto comparto sanità 2019-2021, come anzitempo previsto da NurSind, i tempi di chiusura della contrattazione sono lunghi e potrebbero protrarsi fino al primo semestre del 2022.

La lentezza con cui la contrattazione sta procedendo sta penalizzando gli infermieri, soprattutto dal punto di vista economico.

In sede di Legge di Bilancio 2021, sono stati stanziati 335 milioni di euro per l’indennità di specificità infermieristica, la cui erogazione è stata legata al rinnovo del contratto 2019-2021, e ad oggi, a 20 mesi dall’inizio della pandemia e a quasi un anno dallo stanziamento economico, si continua a chiedere agli infermieri, senza interruzione di continuità, di sopperire alle carenze d’organico e di espletare turni straordinari per il recupero delle prestazioni, senza ristoro.

All’indennità infermieristica, si aggiunge l’indennità destinata al personale sanitario del pronto soccorso, prevista dalla Legge di stabilità 2022 che, come recita l’articolo 101 di quest’ultima, sarà corrisposta solo alla firma del contratto collettivo nazionale.

Intanto NurSind, fallita la conciliazione dopo la dichiarazione dello stato di agitazione, annuncia a breve uno sciopero, qualora l’emendamento nel quale si prevede che l’indennità specifica infermieristica venga erogata direttamente dalla legge, svincolandola dalla stipula del contratto di comparto, non dovesse passare.

Dichiara a tal proposito Andrea Bottega, segretario nazionale NurSind: “Se l’emendamento non passerà sarà dichiarato lo sciopero. Anche la pazienza ha un limite. Gli infermieri, che il Covid non l’hanno visto in tv, ma lo hanno affrontato a stretto contatto con le migliaia di persone che non ce l’hanno fatta, chiedono un segnale concreto di vicinanza da parte delle istituzioni”.

Maria Luisa Asta

 

 

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF