confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

ANNO IV NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2021

HomeArchivio

23 giugno 2021

ANNO IV NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2021

HomeArchivio

20 settembre 2021

GLI ESPERTI RISPONDONO

No al trasloco del bonus merito nel FIS: le risorse restino soltanto agli insegnanti

La Gilda degli Insegnanti contro il “trasloco” nel FIS del bonus premiale. “Riteniamo inaccettabile la norma della legge di Bilancio 2020 che fa confluire nel Fondo di istituto le risorse destinate al merito perché – spiega Rino Di Meglio, coordinatore nazionale della Gilda degli Insegnanti – si tratta di somme stanziate specificamente per i docenti e a loro devono restare. In questo modo si vanno ad alimentare ulteriormente le casse di quel Fondo di istituto nato nel 1995 nel corso di un rinnovo contrattuale non firmato dalla Gilda e che la nostra organizzazione sindacale ha sempre avversato perché considerato una sorta di trattenuta mascherata sullo stipendio per ricompensare attività che nulla hanno a che vedere con l’aspetto professionale. Non è raro, infatti, che le risorse del FIS vengano utilizzate dai Dirigenti scolastici per retribuire le funzioni di tipo organizzativo svolte dai loro staff, molte delle quali sarebbero di sua competenza”.

Da quando è stato istituito il bonus del merito, contestato sin dall’inizio, la Gilda degli Insegnanti sostiene che queste somme devono confluire negli stipendi e in sede di rinnovo del CCNL la Gilda promette che farà valere con forza questa rivendicazione: “Si tratta di un atto di giustizia e non di prevaricazione nei confronti degli altri lavoratori della scuola. Sottrarre ciò che era stato già assegnato ai docenti per distribuirlo ad altri – sottolinea Di Meglio – non è un’operazione di democrazia, come qualcuno vorrebbe spacciare la norma della legge di Bilancio in questione, ma la dichiarazione che il docente è funzione residuale nel processo dell’insegnamento. Idea a cui la nostra organizzazione sindacale, ma prima ancora la nostra associazione professionale, si è sempre opposta e sempre si opporrà”.

Ester Trevisan

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF