confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

ANNO IV NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2021

HomeArchivio

23 giugno 2021

ANNO IV NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2021

HomeArchivio

20 settembre 2021

ANNO IV NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2021

HomeArchivio

14 dicembre 2021

ANNO V NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2022

HomeArchivio

22 marzo 2022

ANNO V NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2022

HomeArchivio

22 giugno 2022

GLI ESPERTI RISPONDONO

LINEE GUIDA DEL LAVORO AGILE – nuova riunione con il Ministro Brunetta

Il 30 novembre scorso si è svolta una nuova riunione con Brunetta sullo schema di linee guida in materia di lavoro agile che il Ministro intende adottare in applicazione del D.M. 9 ottobre 2021.

Rispetto alla prima formulazione abbiamo preso atto che diverse nostre osservazioni sono state recepite, con riferimento alle potenzialità dell’istituto come fattore di modernizzazione delle pubbliche amministrazioni e di innovazione organizzativa e non solo di conciliazione vita-lavoro.

E’ stata ripresa la necessità, nelle premesse, che il rientro in presenza deve essere correlato al pieno rispetto dei protocolli sicurezza vigenti firmati con la Funzione Pubblica e le singole Amministrazioni, così come viene ribadito il rispetto delle regole di confronto e partecipazione previste nel sistema di relazioni sindacali nelle fasi attuative delle linee guida.

Seppur parzialmente, sono stati superati gli impedimenti infrastrutturali che vincolavano l’effettuazione del lavoro agile unicamente al possesso di dotazioni informatiche e linee telefoniche delle Amministrazioni.

Permangono però ancora numerose criticità che come FLP abbiamo evidenziato nel corso del confronto.

Abbiamo chiesto che, in considerazione della ripresa del rischio pandemico correlata alle nuove varianti, venga specificato che il rientro in presenza deve tener conto dell’emergenza sanitaria e del suo andamento, sia rispetto alle percentuali complessive di personale a cui riconoscere il lavoro agile, che nella riconsiderazione del concetto di prevalenza delle giornate in presenza rispetto a quelle in lavoro agile per ogni singolo lavoratore.

Il concetto di prevalenza contenuto nel D.M. del 9 ottobre 2021, ribadito nelle linee guida, non è coerente con le modalità di effettuazione del lavoro agile a regime, così come definito dalla normativa primaria vigente, in quanto se l’attività è “smartabile”, lo è per tutte le fasi del processo.

Inoltre, in questa fase, la “forzata” prevalenza produce solo un inutile e pericoloso ammassamento degli Uffici, in gran parte inadeguati per rispettare le prescrizioni dei Protocolli sottoscritti, con ricadute sulla sicurezza sul lavoro, sull’affollamento dei mezzi pubblici, sulla tenuta complessiva delle misure di prevenzione che lo stesso Governo sta adottando in queste settimane.

Abbiamo chiesto, inoltre, che nella parte delle linee guida in cui si prevede la possibilità di inoltrare le chiamate dall’interno telefonico del proprio ufficio sul cellulare di servizio messo a disposizione del lavoratore, venga chiarito che tale possibilità non sia estensibile in modo indeterminato per tutta la durata della giornata lavorativa, ma organizzata per fasce orarie prestabilite a seconda dei servizi e delle attività da garantire.

In una situazione in cui tutte le Amministrazioni hanno ritenuto di adempiere in modo automatico alle prescrizioni del DM, con un rientro generalizzato che ha portato a un sostanziale arretramento dell’esperienza del lavoro agile, le linee guida dovrebbero correggere il tiro e fornire indicazioni chiare ed inequivocabili in merito a scelte che debbono essere assunte dalle singole Amministrazioni.

Tanto più in una fase in cui indubbiamente coesistono sia la necessità di una regolamentazione a regime del lavoro agile, che le misure di sicurezza e di prevenzione che la pandemia ci obbliga a rispettare.

Non a caso in queste settimane altri Paesi come l’Olanda, il Belgio, la Germania, il Portogallo hanno fortemente rilanciato il lavoro agile come strumento di prevenzione e questo rende ancora più indigeribile, e non condivisibile, la scelta del Governo che, per mano di Brunetta, ha voluto e sta ancora cavalcando.

A differenza di altri, e di quanto ha affermato Brunetta stesso nei suoi soliti comunicati unilaterali sull’esito delle riunioni, la FLP e la sua confederazione non hanno condiviso le linee guida, in coerenza con la nostra ferma contrarietà espressa sui contenuti del DM da lui voluto.

E continueremo la nostra iniziativa per contrastare scelte che vanno nella direzione opposta alla modernizzazione e alla maggiore efficienza delle Amministrazioni e al decollo di un importante strumento di conciliazione vita-lavoro e di maggiore vivibilità delle nostre città.

Roberto Cefalo

 

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF