confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

ANNO IV NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2021

HomeArchivio

23 giugno 2021

ANNO IV NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2021

HomeArchivio

20 settembre 2021

GLI ESPERTI RISPONDONO

LEGGE DI BILANCIO, GILDA: COPERTA SEMPRE TROPPO CORTA PER LA SCUOLA

“Il disegno di legge di Bilancio conferma che, in tema di retribuzioni, i docenti vengono sempre trattati come figli di un dio minore. La previsione di un incremento di 400 milioni per il 2021 per il rinnovo dei contratti del Pubblico Impiego è del tutto insufficiente. Siamo ben lontani dalle promesse del Governo Conte 1 e dell’ex ministro Fioramonti che prefiguravano aumenti a tre cifre per il personale della scuola, il cui contratto è scaduto ormai da due anni. La scuola è sempre la Cenerentola dei rinnovi contrattuali, perché gli incrementi stipendiali vengono stabiliti in percentuale e la forbice con le retribuzioni degli altri pubblici dipendenti si allarga sempre di più”. Queste le parole con cui Rino Di Meglio, coordinatore nazionale della FGU-Gilda degli Insegnanti, ha commentato le misure per il settore istruzione contenute nella Manovra approvata dal Governo e adesso all’esame del Parlamento.

Secondo il sindacato, sono condivisibili le decisioni assunte in tema di edilizia scolastica, l’assunzione dei docenti di sostegno, potenziamento del segmento 0-6 anni e il reclutamento di 1000 assistenti tecnici per le scuole del primo ciclo, ma restano troppe le omissioni e le insufficienze.

Tra i punti che incassano una netta bocciatura da parte della Gilda, quello riguardante la formazione: “Riteniamo inaccettabile la proposta di porre un obbligo di almeno 25 ore per tutti i docenti che si trovano impegnati in classi con alunni con disabilità. La formazione – afferma Di Meglio – è sicuramente importante, ma in questo modo rappresenta un’incursione sulle prerogative contrattuali ed anche sulle scelte professionali, una sorta di aggiornamento di Stato che non è ammissibile. La formazione deve essere riconosciuta adeguatamente a livello stipendiale nel contratto e non può essere imposta senza esonero dal servizio”.

Tante le lacune su cui la Gilda pone l’accento: manca un piano pluriennale di assunzioni per i prossimi anni, che saranno caratterizzati da un amplissimo turnover del personale docente, e manca una prospettiva di riordino del sistema concorsuale che preveda procedure più snelle e consenta alle commissioni l’esonero temporaneo dall’attività lavorativa per velocizzare e dare efficienza alle stesse procedure concorsuali. Nessun riferimento, inoltre, al necessario finanziamento in organico per consentire dal prossimo anno scolastico una significativa riduzione del numero di allievi per classe.

“Sarebbe stato decisamente più proficuo un confronto con le organizzazioni sindacali prima della stesura del disegno di legge che adesso ci auguriamo sia modificato e migliorato in sede di discussione parlamentare. La politica presti ascolto alle ragioni dei docenti, la loro motivazione è fondamentale. Senza la centralità del rapporto docente-discente, che è il cuore di qualsiasi sistema di istruzione, restano solo aule, banchi e computer”, conclude Di Meglio.

Ester Trevisan

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF