confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

ANNO IV NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2021

HomeArchivio

23 giugno 2021

ANNO IV NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2021

HomeArchivio

20 settembre 2021

ANNO IV NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2021

HomeArchivio

14 dicembre 2021

ANNO V NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2022

HomeArchivio

22 marzo 2022

ANNO V NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2022

HomeArchivio

22 giugno 2022

ANNO V NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2022

HomeArchivio

29 settembre 2022

GLI ESPERTI RISPONDONO

In DAD we trust

Dopo aver letto le esternazioni del segretario nazionale della più importante associazione di dirigenti scolastici, che propone il sabato in DAD in tutte le scuole della Repubblica come geniale soluzione all’incombente crisi energetica, ho capito che al peggio non c’è mai fine.

Nonostante tre anni di DAD abbiano palesemente mostrato tutte le falle di questo strumento, pure utilissimo se usato con criterio e in modo non sostitutivo della relazione pedagogica in carne e ossa, ora esso viene invocato, quale oggetto di pura fede dotato di potere miracoloso, come soluzione per ogni emergenza. Prima la pandemia, ora il caro bolletta, aspettiamo una proposta per Ucraina e Taiwan.
Pazienza se il prezzo lo pagheranno, ancora una volta, i nostri studenti e pazienza se la DAD approfondisce il divario tra ricchi e poveri, nord e sud.

Certo, il brodino di DAD è un po’ acido e indigesto, forse scarsamente nutriente, ma una buona pubblicità, si sa, fa i miracoli.

Per taluni dirigenti forse la DAD è stata anche un simpatico giocattolino, un nuovo Risiko organizzativo per esibire nascoste doti manageriali, da sfoderare, dopo il Covid, anche in caso di caviglia slogata, indisposizione occasionale, settimana bianca dei genitori.

Perché il magico balocco non potrebbe ora essere proposto per salvare il Paese dal caro gas, rifilando agli studenti un altro po’ di aria propinata e, possibilmente, aiutando la neonata Scuola di Alta Formazione o plasmare nuovi corsi e corsetti sulle nuove app e utilities?

Un collega ingegnere mi faceva recentemente notare che, pur con tutti i problemi ben noti dell’edilizia scolastica, quasi tutti gli edifici in Italia hanno, quanto meno, un’esposizione ottimale verso sud est.

Con un investimento economico pari a circa un anno di bolletta elettrica della scuola (calcolato con i prezzi della corrente pre-crisi, oltretutto), ciascuno di questi edifici potrebbe avere una copertura fotovoltaica tale da garantire l’autosufficienza totale e contribuire ad una comunità energetica comunale o territoriale.

Ma forse, in tempi votati alla cieca fede, la ragione continuerà a restare muta.

 

Gianfranco Meloni

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF