confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

GLI ESPERTI RISPONDONO

Gli infermieri pagano il prezzo più alto di questa pandemia. Il sondaggio NurSind

A pagare il prezzo più alto in questa pandemia sono gli infermieri, lo hanno fatto in termini di contagio, di vite e di sequele psicologiche che si porteranno dietro per sempre. Una categoria che non ha mai conosciuto tregua in quest’anno di emergenza, sempre in carenza di organico, rincorrendo il virus e rinviando ferie e riposi.

A sondare le condizioni del personale infermieristico ed ostetrico delle aziende e delle RSA di Udine è il NurSind.

“Al sondaggio hanno risposto 412 infermieri, ma le schede stanno continuando ad arrivare – afferma il segretario territoriale NurSind Udine, Afrim Caslli – ci siamo dati ancora una settimana di tempo per raccogliere altri dati. Obiettivo dello studio – continua – è analizzare come la pandemia abbia inciso sui livelli di stress e sul tono dell’umore di infermieri ed ostetriche.”

Il sondaggio

La stragrande maggioranza degli infermieri intervistati è donna, età media 46 anni.

Quasi metà di quanti hanno risposto al sondaggio ha affermato di “non farcela più”, ed un 14% teme che aver assistito ad una sofferenza di tale portata, concentrata in un lasso di tempo relativamente breve, li abbia induriti e abbiano perso di umanità.

Il 90% degli intervistati ammette che il lavoro sta creando disagi familiari e la metà rivela di soffrire di ansia, paura, insonnia e di provare delusione.

Il 68% del personale infermieristico ed ostetrico è demotivato, dato che, secondo il sindacalista, è confermato anche dal crescente numero di infermieri che continua a licenziarsi, scegliendo di lavorare come libero professionista.

Questo processo è dato anche dalla crescente sfiducia nella direzione generale (il 70% secondo i dati del sondaggio), dalla disorganizzazione aziendale e dai turni massacranti e crescente carico di lavoro.

Conclude Caslli: “Alla politica regionale chiederemo di trovare i fondi per gli Eroi, che hanno accumulato straordinari, rinunciato a ferie, riposi ed alle loro famiglie”.

 

Marialuisa Asta

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF