confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

ANNO IV NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2021

HomeArchivio

23 giugno 2021

ANNO IV NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2021

HomeArchivio

20 settembre 2021

ANNO IV NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2021

HomeArchivio

14 dicembre 2021

ANNO V NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2022

HomeArchivio

22 marzo 2022

ANNO V NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2022

HomeArchivio

22 giugno 2022

ANNO V NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2022

HomeArchivio

29 settembre 2022

GLI ESPERTI RISPONDONO

Dopo esposto NurSind Campania al Ministero della Salute, De Luca promette rivoluzione per i pronto soccorso

Il NurSind Campania da anni denuncia le condizioni drammatiche in cui versano i Pronto Soccorso della Regione ridotti, negli ultimi tempi, a delle vere e proprie astanterie infernali.

Nel luglio scorso il NurSind Campania aveva presentato un esposto al Ministero della Salute, chiedendo di verificare per quale inspiegabile motivo la Regione Campania non avesse ancora recepito le Linee di Indirizzo Nazionali sul Triage Intraospedaliero, sugli OBI e sullo sviluppo dei Piani di Gestione del Sovraffollamento dei Pronto Soccorso siglati il 1° agosto 2019 dalla Conferenza Stato-Regioni.

In concomitanza il Presidente della Regione De Luca ha annunciato in diretta TV una rivoluzione organizzativa dei Pronto Soccorso che partirà in autunno.

“Siamo lieti che il Presidente De Luca si sia reso conto della realtà drammatica in cui versano tutti i PS della nostra Regione e che, dopo anni di denunce e interpelli da parte della nostra Organizzazione Sindacale, finalmente ora prometta l’adozione di interventi urgenti”, commenta Antonio Eliseo, coordinatore regionale NurSind Campania.

Eliseo fa una lunga lista di alcuni dati drammatici relativamente alle criticità gestionali che hanno aggravato, in questi anni, la crisi dei nostri Pronto Soccorso; eccone alcune:

  • nessuna Azienda della Campania ha adottato dei piani di gestione del sovraffollamento dei Pronto Soccorso
  • sistemi informatici di molte Aziende risultano essere obsoleti e non sono stati aggiornati; non risultano attivi gli indicatori algoritmici NEDOCS per monitorare il sovraffollamento dei PS;
  • si registrano gravi criticità nella disponibilità quotidiana di posti letto per i Pronto Soccorso; in molte Aziende non sono monitorati i tempi medi di degenza dei pazienti nelle varie unità operative;
  • le Osservazioni Brevi Intensive (OBI), in molte Aziende, non risultano attive;
  • si riscontra disomogeneità nell’introduzione dei 5 codici numerici (o a colori) per il triage intraospedaliero;
  • la Campania registra un rapporto tra posti letto per acuti / post acuti ogni 1000 abitanti tra i peggiori d’Europa, alla pari di nazioni come il Libano;
  • nei PS campani si registrano quotidianamente vili episodi di aggressioni verbali e fisiche ai danni degli operatori sanitari;
  • in molti PS della Campania, nonostante lo stanziamento di fondi statali nel 2020, non sono stati effettuati i lavori di ristrutturazione e si registrano tutt’ora criticità e promiscuità nei percorsi sporco/pulito;
  • i Medici fuggono dai PS (così come sta avvenendo in tutta Italia) ma la Campania purtroppo sconta già anni di commissariamento con 10mila unità di personale sanitario in meno rispetto ad altre Regioni;
  • la Medicina Territoriale è stata completamente annientata dalle gestioni fallimentari delle ASL Campane.

 

Marialuisa Asta

 

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF