confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

GLI ESPERTI RISPONDONO

Cosa rischiano gli infermieri guidando le automediche

Non c’è norma o contratto che obblighi un infermiere a mettersi alla guida di un mezzo di soccorso.

La mansione di autista non rientra nel profilo professionale dell’infermiere ed inoltre comporta una serie di rischi quali:

  • Assenza copertura assicurativa: l’autista non è una figura sanitaria, e nello svolgerla per l’infermiere non sarebbe prevista dalla legge alcuna copertura assicurativa. Nessuna tutela quindi potrebbe essere prevista per l’infermiere che ha un infortunio sul lavoro, perché nonostante l’infortunio si verifichi durante l’orario di lavoro, la mansione ricoperta, ovvero quella di autista, è diversa da quella prevista per legge e regolamentata.
  • Mancata Patente di servizio: in caso di infrazioni, incidenti gravi dovuti ad imperizia o negligenza ad essere sospesa o revocata sarebbe la patente personale.
  • Omicidio stradale. La legge del 23 marzo 2016 introduce il reato di omicidio stradale, che prevede:

pene fino ai 4 anni di reclusione per incidenti provocati da manovre pericolose (eccesso di velocità, guida contromano, passaggio col rosso agli incroci, inversione di marcia su intersezioni, curve e dossi, alcuni tipi di sorpasso). Da 2 a 7 anni, quando la morte sia stata causata da violazioni non gravi al codice della strada. La pena aumenta della metà se muore più di una persona, fino a 18 anni. Revoca della patente: la nuova patente è revocata e non può essere conseguita prima di 15 anni (omicidio) o 5 anni (lesioni). In caso di fuga o nelle altre ipotesi più gravi, dovranno trascorrere almeno 30 anni dalla revoca.

L’emergenza di chi guida un mezzo di soccorso richiede velocità, sorpassi, il superamento del semaforo rosso all’intersezione. E non volendo prendere in causa l’incidente mortale che è l’ipotesi ultima, la nuova legge sull’omicidio stradale per le lesioni stradali prevede la reclusione da 3 a 5 anni e sospensione della patente per 5 anni.

 

Marialuisa Asta

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF