confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

ANNO IV NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2021

HomeArchivio

23 giugno 2021

ANNO IV NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2021

HomeArchivio

20 settembre 2021

ANNO IV NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2021

HomeArchivio

14 dicembre 2021

ANNO V NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2022

HomeArchivio

22 marzo 2022

ANNO V NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2022

HomeArchivio

22 giugno 2022

GLI ESPERTI RISPONDONO

Carenza di infermieri, stipendi più bassi d’Europa. NurSind incontra Giuseppe Conte

Il 23 febbraio scorso Andrea Bottega, segretario nazionale NurSind, e Salvatore Vaccaro, vicesegretario, hanno incontrato Giuseppe Conte e una delegazione di parlamentari del Movimento cinque stelle, per parlare del momento difficile affrontato dalla professione infermieristica e delle possibili soluzioni.

“Una grande disponibilità ad ascoltarci e una forte attenzione rispetto a tutti i problemi che gli infermieri si trovano ad affrontare”, ha commentato Andrea Bottega.

“La valorizzazione della categoria sia sul piano economico che professionale, insieme all’ormai cronico problema della carenza di personale, sono stati i principali nodi che abbiamo approfondito al tavolo – continua Vaccaro -. Conte e i parlamentari M5s si sono mostrati degli interlocutori molto attenti, inoltre, rispetto al problema della scarsa attrattività che ad oggi sconta il lavoro dell’infermiere, anche a causa della totale preclusione di qualsiasi forma di carriera clinica”.

“Con l’incontro di oggi – concludono –  si sono poste le basi per una interlocuzione costante che auspichiamo possa essere proficua per il futuro della professione”.

 

Maria Luisa Asta

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF