confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

ANNO IV NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2021

HomeArchivio

23 giugno 2021

ANNO IV NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2021

HomeArchivio

20 settembre 2021

ANNO IV NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2021

HomeArchivio

14 dicembre 2021

ANNO V NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2022

HomeArchivio

22 marzo 2022

ANNO V NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2022

HomeArchivio

22 giugno 2022

ANNO V NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2022

HomeArchivio

29 settembre 2022

ANNO V NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2022

HomeArchivio

28 dicembre 2022

ANNO VI NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2023

HomeArchivio

28 marzo 2023

ANNO VI NUMERO 2/3 - aprile - settembre 2023

HomeArchivio

20 settembre 2023

ANNO VI NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2023

HomeArchivio

12 dicembre 2023

GLI ESPERTI RISPONDONO

ANTICIPO UNA TANTUM DI DICEMBRE e le ricadute negative sugli stipendi a partire da gennaio 2024

Il decreto legge 18 ottobre 2023, n. 145 recante “Misure urgenti in materia economica e fiscale, in favore degli enti territoriali, a tutela del lavoro e per esigenze indifferibili”, prevede all’art. 3 con oggetto “Anticipo rinnovo contratti pubblici” che, nelle more della definizione del quadro finanziario complessivo relativo ai rinnovi contrattuali per il triennio 2022-2024, per il personale con contratto di lavoro a tempo indeterminato delle Amministrazioni statali, in via eccezionale, con una spesa valutata pari a 2 miliardi di euro per l’anno 2023, nella busta paga del mese di dicembre 2023, oltre all’indennità di vacanza contrattuale (IVC) mensile che già si percepiscesarà inserita una nuova voce riguardante il pagamento anticipato, in unica soluzione, dell’importo pari a 6,7 volte il relativo valore annuale dell’indennità di vacanza contrattuale attualmente erogato, a valere sull’anno 2024 e fatti salvi eventuali successivi conguagli.

Inoltre, la norma prevede che tale anticipo rileva ai fini dell’attribuzione del beneficio previsto per legge e afferente all’esonero sulla quota di contributi previdenziali.

Nota dolente della norma è la indiretta conferma della volontà politica di non volere stanziare adeguate risorse economiche per il rinnovo dei contratti pubblici scaduti, come invece sollecitato dalla FLP, e la beffa che riceveranno i dipendenti pubblici rientranti nello scaglione di reddito sino a 28.000 euro, perché percependo l’incremento della indennità di vacanza contrattuale di tutto l’anno 2024 nel mese di dicembre 2023, tali somme saranno tassate al 25% e non con la nuova aliquota Irpef del 23% che, salvo ripensamenti dell’ultima ora, dovrebbe entrare in vigore dal 1° gennaio 2024.

Per questo abbiamo chiesto al Governo un intervento specifico di modifica a quanto stabilito nel suddetto decreto, per eliminare gli effetti negativi che sicuramente ci saranno per la gran parte dei lavoratori pubblici.

Roberto Sperandini

 

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF