confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

ANNO IV NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2021

HomeArchivio

23 giugno 2021

ANNO IV NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2021

HomeArchivio

20 settembre 2021

ANNO IV NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2021

HomeArchivio

14 dicembre 2021

ANNO V NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2022

HomeArchivio

22 marzo 2022

ANNO V NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2022

HomeArchivio

22 giugno 2022

GLI ESPERTI RISPONDONO

A chi conviene un esercito di precari?

Il problema del precariato nella scuola è talmente endemico e cronicizzato che la percezione della sua gravità e della sua governabilità politica è crollata, anno dopo anno, fino a raggiungere un pericoloso livello di assuefazione e abitudine.

Nel corrente anno scolastico si è raggiunta la cifra record di 210mila precari, annunciata dal consueto coro mediatico che ha raggiunto, negli anni, un’imbarazzante soglia di ripetitività, tanto da indurre il sospetto che dietro l’inerzia del decisore politico non vi sia semplicemente incompetenza e mancanza di visione strategica, ma che il mantenimento dello status quo, ossia di un’ampia quota di personale docente precario nel sistema scolastico, sia un fondamentale strumento di promozione di quella scuola-azienda che è il vero male del sistema stesso.

La conservazione di una sovrappopolazione lavorativa fluttuante o, in altre parole, di un esercito di riserva di precari, infatti, è la condizione fondamentale per neutralizzare una scuola autocosciente e per garantire il congelamento degli stipendi al di sotto di soglie dignitose.

Tale fenomeno, in effetti, pare svilupparsi perfettamente in parallelo con quello della precarizzazione del personale.

Il Ministro Bianchi ha recentemente proposto di rinnovare, ad iniziare dal lessico, i termini del problema, invitando a non parlare più di reclutamento ma di assunzioni.

Se al rinnovamento lessicale potrà finalmente corrispondere una concreta azione politica assunzionale, il suo principale strumento dovrebbe essere, a parere di chi scrive, la riapertura delle graduatorie permanenti provinciali, alimentate da percorsi di abilitazione e specializzazione e direttamente legate ai territori.

Dall’esistenza di un serbatoio di docenti formati e qualificati e che abbiano già scelto, a monte, il loro luogo professionale ed esistenziale, trarrebbe vantaggio l’intero sistema nazionale dell’istruzione, che finalmente potrebbe affrontare con strumenti efficaci le gravi emergenze pedagogiche della dispersione scolastica e della qualità degli apprendimenti.

Gianfranco Meloni

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF