confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

GLI ESPERTI RISPONDONO

335 milioni destinati all’indennità per gli infermieri. Accolta richiesta NurSind

L’articolo 66 della bozza della legge di Bilancio destina “agli infermieri dipendenti dalle aziende e dagli enti del Servizio sanitario nazionale, nell’ambito della contrattazione collettiva nazionale del triennio 2019- 2021 relativa al comparto sanità è definita, nei limiti dell’importo complessivo annuo lordo amministrazione di 335 milioni di euro, una indennità di specificità infermieristica da riconoscere al predetto personale con decorrenza dal 1° gennaio 2021 quale parte del trattamento economico fondamentale”.

L’articolo 66 rispecchia, dunque, quanto richiesto anzitempo da NurSind nella piattaforma contrattuale 2019/2021, ovvero aumentare sensibilmente l’indennità professionale specifica (ad oggi la più bassa tra quelle del comparto).

Andrea Bottega, segretario nazionale NurSind, ha così commentato la notizia: “Questo è un primo passo in questa direzione (ricordo che il secondo punto delle nostre richieste era proprio un aumento dell’indennità professionale specifica). Ora leggo che altri vorrebbero che questa indennità fosse estesa alle altre professioni sanitarie – evidenzia Bottega – Noi teniamo il punto perché la peculiarità della nostra professione l’abbiamo sempre motivata. Il tutto a tutti non è più di questi tempi perché a reggere l’onda non siamo tutti nella stessa posizione”.

Continua il segretario nazionale: “Ci fa piacere che la nostra proposta sia stata accolta e ringraziamo pubblicamente chi l’ha tradotta in norma di legge. Anche questa è una dimostrazione della serietà di un sindacato che sa dialogare con le forze politiche e non urla ai quattro venti o si pone in conflitto a prescindere. Gli interessi degli infermieri vanno difesi e tutelati e per fare ciò serve convincere chi ci governa del nostro valore – e conclude – La piazza di Montecitorio ha ampiamente dimostrato questo valore e la sua capacità di ascoltare e di proporre, senza minacce e senza insulti, ha dato i suoi frutti. Sosteniamo chi ci sostiene”.

Marialuisa Asta

 

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF