confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

ANNO IV NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2021

HomeArchivio

23 giugno 2021

ANNO IV NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2021

HomeArchivio

20 settembre 2021

GLI ESPERTI RISPONDONO

Regionalizzazione, i nuovi scenari nel dopo-voto [VIDEO]

Ormai è chiaro: per la Lega la regionalizzazione del sistema di istruzione è una priorità. Lo ha ribadito il ministro Salvini nelle ultime ore, al termine dell’incontro al vertice con il presidente Giuseppe Conte e con il vicepresidente Luigi Di Maio.

E’ pur vero che in Parlamento i numeri sono esattamente gli stessi di qualche giorno fa ma è fuori dubbio che l’innegabile successo elettorale della Lega sta rapidamente modificando i rapporti di forza all’interno dell’esecutivo a vantaggio del partito di Salvini.
Si tratta di capire fino a che punto il M5S sarà disposto a cedere ancora di più alle “pretese” della Lega che, se tirasse troppo la corda, potrebbe provocare una crisi di Governo di difficile soluzione.

Peraltro molti osservatori politici ritengono che ormai la crisi sia inevitabile: si tratta solo di capire a chi toccherà assumerne la responsabilità.

In questo quadro gli impegni assunti da Conte e dal ministro Bussetti con l’intesa del 24 aprile potrebbero passare in secondo piano, anche se va detto che nel decreto crescita all’esame del Parlamento è già stato inserito un emendamento che dovrebbe servire a dare il via libera alla operazione di stabilizzazione di alcune decine di migliaia di precari della scuola.

Per ora la situazione è questa ed è ormai chiaro che si sta navigando a vista.
Fra 10 giorni lo scenario potrebbe essere molto diverso.

Regionalizzazione, i nuovi scenari nel dopo-voto [VIDEO]

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF