confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

ANNO IV NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2021

HomeArchivio

23 giugno 2021

ANNO IV NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2021

HomeArchivio

20 settembre 2021

GLI ESPERTI RISPONDONO

rubrica sanità

A cura di NURSIND – Il sindacato delle professioni infermieristiche

D: Salve, sono un’infermiera, mio figlio, minorenne, è in DAD ed io ho preso il congedo parentale straordinario Covid. Quest’ultimo è applicabile anche in coincidenza dei giorni festivi?

Flavia, Roma

R: La Funzione Pubblica, in risposta ad un quesito di una Asl, ha dato indicazioni in merito ai congedi parentali Covid, relativamente alla sospensione delle attività didattiche.
L’oggetto del quesito posto dalla Asl riguarda l’applicabilità del congedo Covid anche durante i periodi di sospensione dell’attività scolastica in coincidenza delle festività di Pasqua o, più in generale, dei giorni festivi.
In merito, il Dipartimento di Funzione pubblica ha spiegato che – alla luce del quadro delineato – tenuto conto del tenore letterale della norma e della sua ratio – si ritiene che la fruizione del congedo non possa avvenire se non a fronte della situazione di sospensione delle attività didattiche in presenza scaturente da provvedimenti legati alla pandemia, che, per effetto dell’andamento del contagio, potrebbero anche essere circoscritti a singole realtà territoriali. Conseguentemente, non si ritiene che la portata applicativa della norma possa essere estesa a fattispecie –vacanze pasquali e giornate festive – in cui non si verifica la prescritta condizione della sospensione dell’attività didattica in presenza, quanto una sua ordinaria interruzione, secondo la programmazione definita dai calendari scolastici.

Marialuisa Asta

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF