confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

ANNO IV NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2021

HomeArchivio

23 giugno 2021

ANNO IV NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2021

HomeArchivio

20 settembre 2021

ANNO IV NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2021

HomeArchivio

14 dicembre 2021

ANNO V NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2022

HomeArchivio

22 marzo 2022

ANNO V NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2022

HomeArchivio

22 giugno 2022

ANNO V NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2022

HomeArchivio

29 settembre 2022

ANNO V NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2022

HomeArchivio

28 dicembre 2022

GLI ESPERTI RISPONDONO

Rubrica Sanità

A cura di NURSIND – Il sindacato delle professioni infermieristiche

La de-certificazione del rapporto tra Pubblica amministrazione e cittadini

 

D: Salve sono Ludovica,

sono dipendente a tempo indeterminato della Asl di Pordenone. Lo scorso mese mi sono iscritta all’Università telematica per frequentare un master.

Ho presentato in azienda la domanda per ottenere le 150 ore retribuite di diritto allo studio, allegando la dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà, nella quale dichiaravo di essere iscritta al 1° anno del corso di studi.

L’azienda rispondeva inviandomi una lettera in cui, per poter usufruire dei permessi di diritto allo studio, mi si chiedeva la certificazione rilasciata dall’Università che attestasse l’iscrizione, ritenendo non valida l’autocertificazione.

E’ valida la richiesta di una amministrazione pubblica di presentare in originale una certificazione per la richiesta del permesso allo studio anziché l’autocertificazione?

Ludovica, Pordenone

 

R: La Direttiva del Ministro per la Pubblica amministrazione e la Semplificazione del 22/12/2011, a seguito dell’art. 15 della legge 183/2011 che è entrata in vigore il 1 gennaio 2012, modifica la disciplina dei certificati e delle dichiarazioni sostitutive contenuta nel “Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa” (DPR 28 dicembre 2000 n. 445, modificato dall’articolo 15 della legge n.183 del 2011).

Si possono autocertificare o attestare: stati, fatti e qualità documentabili e certificabili dalla pubblica amministrazione, e possono essere attestate numerose altre situazioni e fatti a conoscenza dell’interessato (ad esempio di essere erede), mentre non possono essere sostituiti da dichiarazione i certificati medici, sanitari, veterinari, di conformità CE, di marchi, di brevetti.

Qualora l’amministrazione reiterasse la richiesta di certificazione in originale anziché autocertificazione, il dipendente dovrebbe inviare la seguente nota:

Spett.le azienda,

l’autocertificazione, con assunzione della responsabilità per le dichiarazioni rese ex art. 76 DPR 445/2000 già inviata, è idonea e sufficiente. Pertanto vi invito e diffido a considerarla ai fini della fruizione dei permessi per motivi di studio ai quali lo scrivente ha pieno diritto. In difetto, mi vedrò costretto ad adire le opportune vie legali per la tutela dei miei diritti e interessi.

http://www.funzionepubblica.gov.it/semplificazione/la-decertificazione

 

Dott. re Salvatore Lo Presti

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF