confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

ANNO IV NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2021

HomeArchivio

23 giugno 2021

ANNO IV NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2021

HomeArchivio

20 settembre 2021

ANNO IV NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2021

HomeArchivio

14 dicembre 2021

ANNO V NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2022

HomeArchivio

22 marzo 2022

ANNO V NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2022

HomeArchivio

22 giugno 2022

ANNO V NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2022

HomeArchivio

29 settembre 2022

ANNO V NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2022

HomeArchivio

28 dicembre 2022

GLI ESPERTI RISPONDONO

Valditara ai Paesi OCSE: per la scuola bisogna spendere di più; parole che sembrano un impegno ad aumentare la spesa per l’istruzione

Intervenendo alla Riunione Ministeriale del Comitato per le Politiche dell’Istruzione dei Paesi OCSE in corso a Parigi in questi giorni il Ministro dell’Istruzione e del Merito Giuseppe Valditara ha posto ufficialmente alcune questioni particolarmente rilevanti.

In particolare Valditara ha sottolineato la necessità di favorire politiche che portino all’aumento dei fondi per la scuola e di mettere allo studio nuove forme di finanziamento dell’istruzione.
L’intervento del Ministro dell’Istruzione e del Merito risulta particolarmente interessante anche perché pronunciato di fronte ai rappresentati di Paesi che, nel campo dell’istruzione spendono decisamente più dell’Italia.
Secondo i dati di Openpolis, nel 2019 i Paesi UE hanno speso complessivamente 654 miliardi di euro nel comparto dell’istruzione, cifra pari al 4,7% del prodotto interno lordo.
Ma si tratta di una quota fortemente variabile tra i diversi stati membri. Hanno superato il 6% del Pil paesi come Svezia (6,9%), Danimarca (6,3%) e Belgio (6,2%).
Mentre si sono attestati al massimo sul 4% 6 Stati dell’Ue: Grecia e Spagna (4%), Bulgaria e Italia (3,9%), Romania (3,6%) e Irlanda (3,1%).
Le parole di Valditara, quindi, più che una esortazione rivolta ai Paesi OCSE suonano come un impegno a reperire ulteriori risorse per la scuola nelle prossime leggi finanziarie che, al momento, prevedono invece, a partire dal 2024, una progressiva riduzione degli stanziamenti di bilancio.

 

FONTE: TECNICA DELLA SCUOLA
Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF