confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

ANNO IV NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2021

HomeArchivio

23 giugno 2021

GLI ESPERTI RISPONDONO

Vaccinazioni. Speranza: “Verificheremo con il Miur le ricadute reali dell’obbligo”

Lo ha detto oggi in un’intervista a il Fatto Quotidiano il ministro della Salute Roberto Speranza: “Va fatto ogni sforzo per non mettere in contraddizione due diritti irrinunciabili, quello alla salute e all’istruzione”. 

20 SET – L’obbligo vaccinale torna sul tavolo politico. Dopo la conferma del vice ministro Sileri che il ddl sull’obbligo flessibile andrà avanti, torna a parlarne anche il ministro Roberto Speranza che oggi, in un’intervista al Fatto Quotidiano dà la notizia della decisione di avviare una verifica con il Miur “sui numeri veri e le ricadute reali della normativa vigente”.

Non sono chiari i termini di questa verifica anche se lo scopo del ministro è chiaro: “Va fatto ogni sforzo per non mettere in contraddizione due diritti irrinunciabili, quello alla salute e all’istruzione”.

Ma per Speranza, comunque, la scienza resta la bussola per decidere in materia: “Di fronte alla salute dei nostri figli, giù tutte le bandierine della politica. Per me è fondamentale affidarsi alla scienza”, dice al Fatto nell’intervista dove torna a parlare anche di tenuta del sistema sanitario con la consapevolezza che la difesa della sanità pubblica, “non si fa con la bacchetta magica, ci vogliono umiltà e consapevolezza della realtà”.

Continuità con il suo predecessore Giulia Grillo, il neo ministro l’annuncia  sulle liste d’attesa dove ricorda che “c’è già un piano avviato dal ministro Grillo su cui continuerò a lavorare” anche se, aggiunge, “sicuramente dovremo sfruttare meglio il sistema digitale, ad esempio per implementare il fascicolo sanitario elettronico, per cui quando un cittadino accede in un ospedale la sua storia sia immediatamente disponibile”.

http://www.quotidianosanita.it/governo-e-parlamento/articolo.php?articolo_id=77028

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF