confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

ANNO IV NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2021

HomeArchivio

23 giugno 2021

ANNO IV NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2021

HomeArchivio

20 settembre 2021

GLI ESPERTI RISPONDONO

Stipendi statali: per lavoratori scuola +11% in 10 anni, per quelli di Palazzo Chigi

I dati sono contenuti nelle tabelle della Ragioneria generale dello Stato, che effettua le rilevazioni sul conto annuale del pubblico impiego nel lasso di tempo che va dal 2005 al 2015.

Gli stipendi dei dipendenti statali si sono modificati nel tempo, ma non tutti alla stessa maniera. Se, da un lato, per quelli che lavorano nel comparto scuola, i più bassi in classifica, l’aumento è stato solo dell’11,8% rispetto al 2005 (con una cifra raggiunta nel 2015 di 28.343 euro; dall’altro per coloro che sono impiegati alla presidenza del Consiglio dei ministri l’incremento è stato del 45%. I dati sono contenuti nelle tabelle della Ragioneria generale dello Stato, che effettua le rilevazioni sul conto annuale del pubblico impiego nel lasso di tempo che va dal 2005 al 2015.

Per i magistrati l’incremento è stato del 28,4%. Tuttavia, per le toghe le cose non vanno affatto male: con una retribuzione di 138.481 euro nel 2015,  i magistrati hanno un reddito quattro volte superiore rispetto al comparto scuola – con un incremento di 30.615 euro rispetto al 2005. Seguono i diplomatici con 25.156 euro di aumento nel decennio sono arrivati a 93.183 euro; o i dipendenti pubblici impegnati nella carriera prefettizia, che raggiungono quota 94.117 euro, con un aumento del 22,3% pari a 17.148 euro. Un aumento pressocché simile l’hanno avuto anche i dipendenti della presidenza del Consiglio, che, partendo da numeri molto più modesti arrivano a 57.612 euro.

Qui una tabella che segue con i comparti del pubblico impiego, la retribuzione complessiva annua nel 2015, l’incremento rispetto al 2005 in euro e in termini percentuali:

Comparto………………………retribuzione…aumento….variazione % Scuola……………………………….28.343………2.829………+11,8% Ministeri…………………………….36.436………4.525……….+14,2%

Presidenza Consiglio min……….57.612…….17.870………..+45%
Agenzie fiscali…………………….35.449……….4.588……….+14,9%
Corpi di polizia……………………39.390……….6.227……….+18,6%
Forze armate……………………..39.764……….4.129……….+11,6% Magistratura…………………….138.481………30.615………+28,4%
Carriera diplomatica…………….93.183………25.156………+37%
Carriera prefettizia………………94.117………17.148……….+22,3%
Enti di ricerca…………………….41.135………..5.319………+14,8% Università…………………………43.085………..3.188………..+8%
Servizio sanitario naz…………..38.621………..5.195……….+15,5%
Regioni ed enti locali……………29.057……….3.423………..+13,3%
Regioni a statuto speciale……..35.345……….6.171………..+21,1%
Totale comparti………………….34.146……….4.410…………+14,8%

La retribuzione media del totale dei comparti nel 2015 è arrivata a 34.146 euro, con un incremento del 14,8% rispetto al 2005. L’aumento più modesto, in termini percentuali, l’hanno registrato coloro che lavorano nel comparto dell’università: con una crescita dell’8% la retribuzione complessiva è arrivata a 43.085 euro. Gli incrementi sono stati sotto la media anche per le forze armate (con un +11,6% raggiungendo quota 39.764 euro), e per i dipendenti degli enti territoriali e locali, con un +13,3%. La retribuzione degli impiegati in regioni e comuni è la penultima nella classifica generale, con 29.057 euro.

All’interno del coparto scolastico, comunque, si rilevano forti differenze tra i dirigenti, che nel 2015 hanno percepito una retribuzione di 58.174 euro con un incremento del 6,3%, e gli insegnanti, che arrivano a quota 29.842 euro con +11,6%. Lo stipendio medio dei docenti, dal 2005 al 2015, è aumentato poco più di 200 euro. Se si divide ulteriormente la cifra in dieci anni si ottiene un incremento di 20 euro.

continua su: http://www.fanpage.it/stipendi-statali-per-lavoratori-scuola-11-in-10-anni-per-quelli-di-palazzo-chigi-45/
http://www.fanpage.it/

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF