confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

ANNO IV NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2021

HomeArchivio

23 giugno 2021

ANNO IV NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2021

HomeArchivio

20 settembre 2021

ANNO IV NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2021

HomeArchivio

14 dicembre 2021

ANNO V NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2022

HomeArchivio

22 marzo 2022

ANNO V NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2022

HomeArchivio

22 giugno 2022

ANNO V NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2022

HomeArchivio

29 settembre 2022

GLI ESPERTI RISPONDONO

Stipendi. Perché in Italia gli insegnanti di scuola primaria guadagnano meno dei docenti di scuola secondaria, entrambi laureati

Parliamo di stipendi in relazione al grado di scuola in cui il docente è in servizio. Perché in Italia gli insegnanti di scuola primaria (ma lo stesso dicasi per gli insegnanti della scuola dell’infanzia) guadagnano meno dei docenti di scuola secondaria pur avendo una solida (se non più solida) formazione professionale sulle competenze pedagogico-didattiche? Insomma, ricordiamo che se in passato per diventare maestra o maestro non occorreva la laurea e ciò giustificava la differenza retributiva rispetto agli insegnanti di scuola superiore; oggi gli insegnanti di scuola primaria provengono dalla facoltà di scienze della formazione e possiedono dunque una preparazione all’insegnamento anche superiore rispetto a chi, ad esempio, magari insegna matematica alle scuole medie da precario, senza neanche il requisito minimo dei 24 Cfu.

Anche il report Eurydice ci racconta che in media, in Europa, gli insegnanti della scuola primaria tendono a guadagnare meno, mentre gli insegnanti della scuola secondaria superiore generalmente guadagnano di più. Il punto è che nella maggior parte dei Paesi europei, le differenze di stipendio tra i vari livelli di istruzione sono legate alle differenze nei requisiti minimi di qualifica richiesti per diventare insegnante; mentre l’Italia, da questo punto di vista, rappresenta un’eccezione, poiché gli stipendi iniziali di base degli insegnanti del livello secondario sono più alti rispetto a quelli del livello primario, a fronte di un percorso formativo propedeutico che richiede per tutti, come titolo di accesso alla professione, una laurea magistrale. Questa stortura non andrebbe corretta, insieme a tutta la questione relativa all’equiparazione degli stipendi italiani al livello europeo di cui tanto si parla e si è parlato in campagna elettorale e su cui di recente è intervenuto anche il ministro Valditara?

Ma diamo qualche numero. Secondo una tabella fornitaci direttamente dalla segreteria di un’istituto scolastico, gli insegnanti di scuola primaria, con anzianità di servizio da 0 a 8 anni dal 2018 guadagna una retribuzione annuale lorda di 19.996,27 euro, a fronte dei 21.693,22 euro del collega della scuola secondaria di secondo grado che ha gli stessi anni di anzianità. Con uno scarto di circa 1.700 euro all’anno, il che significa 140 euro di differenza al mese a inizio carriera.

Se consideriamo il confronto a fine carriera, la forbice si allarga. Infatti il docente di scuola primaria con 35 anni di servizio guadagna 29.275,99 euro all’anno, mentre il suo collega di scuola superiore arriva a un importo di 34.052,17 euro, circa 5mila euro lordi di differenza in un anno, 400 euro al mese.

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF