confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

GLI ESPERTI RISPONDONO

Stipendi dipendenti pubblici, la classifica. Ecco chi si intasca più di tutti

Stipendi dipendenti pubblici, la classifica. Ecco chi si intasca più di tutti

I più fortunati sono i dipendenti del ministero dell’Economia: portano a casa 220 mila euro l’anno, il tetto massimo consentito. Ultimi quelli della scuola

Nella classifica degli stipendi della Pubblica Amministrazione, a percepire gli stipendi più alti sono i dipendenti amministrativi del ministero dell’Economia. Ultimi i dipendenti sottopagati della scuola, che guadagnano 10 volte meno dei dirigenti di prima fascia. A renderlo noto un aggiornamento Aran sul 2014 in base ai dati forniti dalla Ragioneria dello Stato.

CHI SONO I PIU’ PAGATI – Naturalmente la dimensione della busta paga dipende dal ruolo ricoperto. Al primo posto spiccano i dirigenti delle agenzie fiscali che vantano retribuzioni da 220mila euro annui, seguiti dai colleghi degli enti pubblici non economici, come l’Inps o l’Inail, (217mila) e dei ministeri (178mila).

I MENO PAGATI – Fanalino di coda è il personale scolastico. In particolare ad avere la peggio sono i dipendenti amministrativi, tecnici e ausiliari, ossia il cosiddetto personale Ata che percepisce uno stipendio annuo di 22mila euro, circa 10 volte meno dei dirigenti di prima fascia.

DIFFERENZE TRA GLI IMPIEGATI – Per quanto riguarda i dipendenti della Pa con ruoli non dirigenziali ai vertici della classifica troviamo i dipendenti delle autorità indipendenti, come Antitrust(concorrenza) o Agcom (il garante delle comunicazioni) che percepiscono uno stipendio medio annuo di 74 mila euro. A seguire troviamo il personale non dirigente della presidenza del Consiglio dei ministri (49mila), e un gradino più basso il personale delle Regioni e dei Comuni, così come dei ministeri che percepiscono una retribuzione media annua di 28mila euro. Tra i meno pagati anche il personale della sanità e gli insegnanti, con una retribuzione poco superiore ai 30mila euro.

I VIGILI DEL FUOCO SONO I MENO PAGATI – Tra le forze dell’ordine, considerando i dipendenti che non svolgono ruoli dirigenziali, troviamo i vigili del fuoco con poco più di 31mila euro, le forze armate appena sopra i 35mila e i corpi di polizia con 38mila.

PROFESSORI UNIVERSITARI – I professori universitari non sono inquadrati come dirigenti ma hanno stipendi alti, mediamente da 71 mila euro l’anno.

Stipendi dipendenti pubblici, la classifica. Ecco chi si intasca più di tutti

 

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF