confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

ANNO IV NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2021

HomeArchivio

23 giugno 2021

ANNO IV NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2021

HomeArchivio

20 settembre 2021

ANNO IV NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2021

HomeArchivio

14 dicembre 2021

ANNO V NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2022

HomeArchivio

22 marzo 2022

ANNO V NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2022

HomeArchivio

22 giugno 2022

ANNO V NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2022

HomeArchivio

29 settembre 2022

ANNO V NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2022

HomeArchivio

28 dicembre 2022

ANNO VI NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2023

HomeArchivio

28 marzo 2023

ANNO VI NUMERO 2/3 - aprile - settembre 2023

HomeArchivio

20 settembre 2023

ANNO VI NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2023

HomeArchivio

12 dicembre 2023

GLI ESPERTI RISPONDONO

Statali, Zangrillo: «150mila assunzioni l’anno fino al 2026, sono contratti a tempo indeterminato»

Così il ministro della Pa Zangrillo: «Gli Enti locali, nel bandire i loro concorsi per assunzioni a tempo indeterminato, possono riservare fino al 40% dei posti ai tecnici assunti a termine per il Pnrr»

di Redazione web
Statali, saranno ​«150mila le assunzioni l’anno fino al 2026». Lo afferma il ministro della Pa Paolo Zangrillo, in merito alle difficoltà degli Enti locali a trovare profili necessari al Pnrr., anticipando che è al via la piattaforma per la  formazione dei dipendentì pubblici.

«A livello centrale abbiamo inserito 500 tecnici ed esperti. E a livello decentrato abbiamo dotato i piccoli Comuni dei fondi per assumere i tecnici. Ma è vero, stiamo incontrando difficoltà, come del resto succede nel settore privato. Le persone oggi sono molto più attente a valutare le condizioni offerte e le opportunità di crescita professionale», afferma il ministro della Pa Paolo Zangrillo in un’intervista al Corriere della Sera in merito alle difficoltà degli Enti locali a trovare profili necessari al Pnrr.

Bollette, nuovi aiuti in arrivo, da ottobre “bonus famiglie”. Ecco a chi andrà: tutte le misure

«Rovinato dalle criptovalute, ho perso 100mila euro con quella app: mi sono trovato sommerso dai debiti»

I concorsi per le assunzioni a tempo indeterminato

I contratti a termine però, spiega il ministro Zangrillo, sono «solo per il personale assunto per il Pnrr, fino al 2026. Ma abbiamo previsto la stabilizzazione dei 500 profili nei ministeri dopo 15 mesi di servizio e stabilito che gli Enti locali, nel bandire i loro concorsi per assunzioni a tempo indeterminato, possono riservare fino al 40% dei posti ai tecnici assunti a termine per il Pnrr. Veniamo da un decennio di blocco del turn over che ha ridotto il personale da 3,5 a 3,2 milioni, facendo salire l’età media dei dipendenti a 50 anni. Dal 2021 abbiamo ripreso ad assumere e nel 2022 sono entrate nella Pa 170mila persone, di cui 156mila per sostituire chi è andato in pensione e il resto per aumentare l’organico. Anche quest’anno e fino al 2026 abbiamo in programma una media di 150mila assunzioni l’anno. Si tratta di contratti a tempo indeterminato».

Inoltre oggi sarà lanciata «la piattaforma Syllabus, una svolta. Tutte le amministrazioni dovranno prevedere minimo 3 giorni di formazione all’anno, durante l’orario di lavoro, per tutti i dipendenti pubblici su tre aree: la digitalizzazione, l’aggiornamento amministrativo, i soft skills».

FONTE: LEGGO
Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF