confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

ANNO IV NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2021

HomeArchivio

23 giugno 2021

GLI ESPERTI RISPONDONO

Statali, i contratti azzerano la spending

Lunedì, 03 Luglio 2017

A giorni il ministero dell’Economia dovrebbe dare il via alla direttiva “madre” della Funzione pubblica, dedicata alla pubblica amministrazione centrale (ministeri, fisco, enti pubblici e così via), che sarà replicata più o meno fedelmente in amministrazioni territoriali, scuola e sanità.

Tuttavia, spiega Il Sole 24 Ore, questa operazione “cancellerà i risparmi dell’unica voce di spesa pubblica corrente che in questi anni è diminuita davvero: la spesa per il personale”.

Infatti, secondo l’Istat, “le pubbliche amministrazioni hanno dedicato al personale 164,1 miliardi di euro, cioè il 3,3% in meno dei 169,6 miliardi spesi alla stessa voce nel 2011. Il risparmio nominale, insomma, è stato di 5,5 miliardi. L’accordo firmato con i sindacati il 30 novembre scorso promette aumenti medi da 85 euro al mese, che con i contributi producono un costo intorno ai 110 euro, cioè 1.430 euro per 13 mensilità. Per garantirlo ai 3,26 milioni di dipendenti pubblici in servizio servono circa 4,7 miliardi all’anno: aggiungendo al conto l’allargamento del turn over, che in pratica triplica gli spazi per le assunzioni nei Comuni con conti e organici in ordine, e le promozioni interne sbloccate dalla riforma, superare i 5 miliardi non sarà difficile”.

Si chiede Il Sole: “dove devono andare a finire gli 85 euro di aumenti promessi?”

La busta paga dei dipendenti statali è divisa in due grandi voci:il tabellare, cioè la parte fissa uguale per tutti i dipendenti che fanno parte della stessa «posizione economica», e le componenti accessorie,

I sindacati hanno puntato per un incremento salariale di 85 euro esclusivamente al trattamento tabellare, ma aumentare le voci collegate alla produttività dedicando tutti i soldi al tabellare non è semplice.

Da risolvere c’è poi la faccenda del  bonus da 80 euro, che scende progressivamente quando il reddito va da 24mila a 26mila euro e può essere azzerato dagli aumenti contrattuali.

“Gli 85 euro si traducono infatti in 1.105 euro lordi all’anno, che porterebbero fuori dal raggio d’azione del bonus chi oggi ha redditi intorno ai 25mila euro. Il diritto al bonus si misura con il reddito complessivo e non solo con quello da lavoro dipendente, per cui è praticamente impossibile identificare ex ante la platea da tutelare”

http://www.tecnicadellascuola.it/item/31106-statali-i-contratti-azzerano-la-spending.html

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF