confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

ANNO IV NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2021

HomeArchivio

23 giugno 2021

ANNO IV NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2021

HomeArchivio

20 settembre 2021

ANNO IV NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2021

HomeArchivio

14 dicembre 2021

ANNO V NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2022

HomeArchivio

22 marzo 2022

ANNO V NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2022

HomeArchivio

22 giugno 2022

ANNO V NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2022

HomeArchivio

29 settembre 2022

GLI ESPERTI RISPONDONO

Sottosegretari, Meloni ha (quasi) scelto: all’Istruzione sono favoriti Aprea (Fi) e Frassinetti (FdI), ma i leghisti Sasso e Pittoni sperano ancora

Non è bastato un mese per definire la squadra del Governo Meloni: il tentativo di rendere pubblica la lista di viceministri e sottosegretari entro domenica 30 ottobre è infatti andato a vuoto. Servirà almeno tutto l’ultimo week end del mese per far quadrare il cerchio e mettere nelle condizioni il Consiglio dei ministri (probabilmente lunedì 31 ottobre) di dare il suo assenso all’operazione, con i nuovi viceministri e sottosegretari che dovrebbero giurare venerdì 4 novembre.

Per l’occasione verranno anche approvati i decreti necessari per modificare la denominazione di alcuni ministeri. Tra i dicasteri con nuovo nome figura anche quello dell’Istruzione, nel quale l’Esecutivo Meloni ha voluto aggiungere la contestata parola “merito”: un ministero che, in ogni caso, non dovrebbe avere alcun viceministro, ma solo due sottosegretari.

Uno dei nomi più ricorrenti per l’Istruzione è sicuramente quello di Valentina Aprea, di Forza Italia, con già due esperienze in questo ruolo durante la gestione Moratti, circa 20 anni fa, anche se in occasione delle ultime elezioni politiche non ha centrato la conferma come parlamentare alla Camera: dalla sua, Aprea ha una lunga esperienza e alte competenze sul settore dell’Istruzione, essendo pure dirigente scolastico.

Con il ministro leghista, il professore Giuseppe Valditara, e un posto probabilmente assegnato a Forza Italia, la logica vorrebbe che l’altra “poltrona”, sempre da sottosegretario, dovrebbe andare a Fratelli d’Italia: in tal caso, la favorita è sicuramente Paola Frassinetti, da anni responsabile Istruzione del partito assieme a Carmela Bucalo (entrambe confermate in Parlamento con circa 100mila preferenze): se Frassinetti venisse eletta, dovrebbe avere la delega per il settore universitario.

Tuttavia, per vari motivi, non si può nemmeno escludere a priori che la Lega possa avere un posto da sottosegretario: in tal caso, si parla di Rossano Sasso, “fresco” di nomina nell’ultimo anno e mezzo, sempre a Viale Trastevere, anche lui confermato deputato grazie ad un alto numero di preferenze incassate lo scorso 25 settembre nella sua terra pugliese.

Va però anche detto che all’ultimo momento potrebbe essere recuperato un altro leghista doc, quale è Mario Pittoni: responsabile del dipartimento Istruzione del partito del Carroccio, Pittoni (che gode alta stima nei social) nell’ultima legislatura ha ricoperto il ruolo di presidente e vicepresidente della settima Commissione di Palazzo Madama (ma non si è poi candidato in quella attuale).

Le possibilità di ritrovarsi all’Istruzione con una presenza doppia della Lega ai vertici dell’Istruzione rimangono comunque residue: considerando anche che il Mef è andato ad un ministro vicino al Carroccio, si andrebbe infatti a costituire un’asse Istruzione davvero molto sbilanciato verso il partito guidato da Matteo Salvini.

E’ pur vero, però, che una circostanza di questo genere si starebbe concretizzando al ministero delle Infrastrutture, dove uno dei due sottosegretari dovrebbe essere il leghista Edoardo Rixi, sebbene il Ministero fosse stato affidato proprio al numero uno del Carroccio (che è anche vicepremier). Un precedente a cui si aggrappano gli stessi Sasso e Pittoni.

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF