confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

ANNO IV NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2021

HomeArchivio

23 giugno 2021

ANNO IV NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2021

HomeArchivio

20 settembre 2021

GLI ESPERTI RISPONDONO

Sale la disoccupazione: a settembre è all’11,7%. Ma aumentano anche gli occupati

Sale la disoccupazione: a settembre è all’11,7%. Ma aumentano anche gli occupati

Il tasso di disoccupazione a settembre è stato pari all’11,7%, in aumento di 0,2 punti percentuali rispetto al mese precedente. Lo rende noto l’Istat. Nel mese preso in esame cresce la stima dei disoccupati (+2,0%, pari a +60mila), dopo il calo registrato a luglio (-1,1%) e agosto (-0,1%).

L’aumento interessa entrambe le componenti di genere e le diverse classi di età ad eccezione dei giovani di 15-24 anni. Su base annua si conferma la tendenza all’aumento del numero di occupati (+1,2% su settembre 2015, pari a +265mila).

La crescita tendenziale è attribuibile quasi esclusivamente ai dipendenti permanenti (+264mila) e si manifesta sia per la componente maschile sia per quella femminile, concentrandosi principalmente tra gli over 50 (+384mila). Nello stesso periodo calano sensibilmente gli inattivi (-3,6%, pari a -508mila) e aumentano i disoccupati (+3,4%, pari a +98mila).

Nel dettaglio, comunica l’Istituto di statistica nazionale, la maggiore partecipazione al mercato del lavoro a settembre, in termini sia di occupati sia di persone in cerca di lavoro, si associa alla diminuzione della stima degli inattivi tra i 15 e i 64 anni (-0,9%, pari a -127mila). Il calo interessa donne e uomini e coinvolge tutte le classi di età. Il tasso di inattività scende al 34,8%, in calo di 0,3 punti percentuali.

A settembre, continua l’Istat, la stima degli occupati cresce rispetto ad agosto (+0,2%, pari a +45mila unità), recuperando il calo registrato nel mese di luglio.

Dinamiche positive si rilevano per entrambe le componenti di genere e in tutte le classi di età; l’aumento si concentra, questo mese, tra i lavoratori indipendenti (+56mila), a fronte di un calo dei dipendenti a termine e la stabilità di quelli permanenti. Il tasso di occupazione è pari al 57,5%, in aumento di 0,1 punti percentuali rispetto al mese precedente.

Nel trimestre luglio-settembre alla sostanziale stabilità degli occupati (+11mila) si accompagna una lieve crescita dei disoccupati (+0,2%, pari a +5mila) e un calo degli inattivi (-0,3%, pari a -45mila).

Nel periodo luglio-settembre, infine, si registra una sostanziale stabilità degli occupati rispetto al trimestre precedente; segnali di crescita si rilevano per i lavoratori dipendenti, sia permanenti sia a termine e le persone di 50 anni o più, mentre diminuiscono in modo significativo gli indipendenti.

A SETTEMBRE DISOCCUPAZIONE GIOVANI A 37,1%, IN CALO SU MESE – A settembre il tasso di disoccupazione dei giovani nella fascia di età compresa 15-24enni, cioè la quota di giovani disoccupati sul totale di quelli attivi (occupati e disoccupati), è pari al 37,1%, in calo di 1,2 punti percentuali rispetto al mese precedente.

Dal calcolo del tasso di disoccupazione, spiega l’Istituto di statistica, sono per definizione esclusi i giovani inattivi, cioè coloro che non sono occupati e non cercano lavoro, nella maggior parte dei casi perché impegnati negli studi.

L’incidenza dei giovani disoccupati tra 15 e 24 anni sul totale dei giovani della stessa classe di età è pari al 9,8% (cioè poco meno di un giovane su 10 è disoccupato). Tale incidenza risulta in calo di 0,3 punti percentuali rispetto ad agosto. Il tasso di occupazione dei 15-24enni aumenta di 0,3 punti, mentre quello di inattività rimane invariato.

Nelle restanti classi di età si registra un aumento del tasso di occupazione (+0,2 punti tra i 25-49enni, +0,1 punti tra gli over 50) e del tasso di disoccupazione (+0,7 punti tra i 25-34enni, +0,2 punti tra i 35-49enni, +0,1 punti tra gli over 50) mentre cala quello di inattività (-0,9 punti tra i 25-34enni, -0,4 punti tra i 35-49enni, -0,1 punti tra gli over 50).

RENZI – “Dati Istat. Da Febbraio 2014 a oggi ci sono 656.000 posti di lavoro in più, il 75% a tempo indeterminato. Grazie #JobsAct” scrive su Twitter il premier Matteo Renzi.

http://www.adnkronos.com/soldi/economia/2016/11/03/sale-disoccupazione-settembre-all_Afw6BS3SH2Bkt7RpMWbmpM.html

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF