confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

ANNO IV NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2021

HomeArchivio

23 giugno 2021

GLI ESPERTI RISPONDONO

Riforma Pensioni, Poletti: possibile una revisione della speranza di vita

Riforma Pensioni, Poletti: possibile una revisione della speranza di vita

 

Scritto da  Bruno Franzoni

Il Ministro del Lavoro Giuliano Poletti fissa ulteriori linee di azione per rivedere la Legge Fornero. Studiamo una soluzione per quanto riguarda i giovani nel sistema contributivo.

Il Ministro del Lavoro Giuliano Poletti apre ad un secondo intervento sulle pensioni nel 2017. Rivolto in particolare ai giovani nel sistema contributivo per agevolare il raggiungimento di una pensione dignitosa. Ma non solo. «Sul tavolo del confronto con i sindacati ­ il prossimo anno avre­mo due temi ­chiave per i giovani: come garantire l’adeguatezza delle pensioni, soprattutto con carrie­re discontinue, e come differenzia­re l’età pensionabile in relazione all’aspettativa di vita, che non è e non può essere uguale per tutti i lavori».

E sulle misure che saranno contenute nella legge di Bilancio Poletti parla chiaro: ci saranno almeno 60mila uscite tra Ape Agevolata e quota 41 per i lavoratori precoci a cui si aggiungeranno le facilitazioni per chi potrà cumulare gratuitamente i contributi sparsi in più gestioni previdenziali e chi fruirà dell’APE volontaria. In totale saranno oltre 100mila le uscite agevolate dal prossimo anno. “Il che non significa centomila nuovi posti di lavoro, ma una certa quota sì». Quanto al secondo intervento del 2017 Poletti ricorda  che c’è “un ragionamento aperto”. “In primo piano c’è proprio il tema dell’adeguatezza delle pensioni dei giovani che, per i redditi bassi e le carriere discontinue, corrono più rischi previdenziali. Due sono le linee di azione. Una è quella della previdenza integrativa e dunque degli strumenti per raffor­zare l’adesione. Un’altra è la previsione di un intervento che permetta, nei casi di maggiore fragilità contributiva, di poter contare su uno zoccolo duro, una base di ap­poggio stabile, una sorta di tratta­mento di garanzia minimo che consenta una vita decorosa”, una sorta di zoccolo di garanzia dato che le pensioni nel sistema contributivo non possono essere più integrate al trattamento minimo.

«Il tema è posto, la soluzione va trovata. Dobbiamo certamente provare a pensare a qualcosa del genere. In Francia hanno cominciato a immaginare una sorta di li­bretto contributivo personale nel quale c’è anche un intervento pub­blico che permette di arrivare a so­glie minime». L’altro tema è differenziare lasperanza di vita. «E’ un dato di fatto che l’aspettati­va di vita non è identica per tutte le professioni. Già oggi abbiamo usato un criterio di questo tipo per l’individuazione di platee di lavoratori che svolgono attività gravose e che, come tali, hanno ac­cesso agevolato all’ Ape sociale e al canale dei precoci. Lungo questa pista bisognerà fare ulteriori rifles­sioni. Bisognerà trovare elementi di oggettività legati a fattori di ri­schio o di gravosità dei lavori che determinano un’aspettativa di vi­ta differenziata e che, dunque, dovrebbero poter avere età pensiona­bili ugualmente differenziate».

http://www.pensionioggi.it/notizie/previdenza/riforma-pensioni-poletti-possibile-una-revisione-della-speranza-di-vita-7867868

 

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF