confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

GLI ESPERTI RISPONDONO

RIFORMA PENSIONI, 3 NOVITÀ DA POLETTI: “MA OCCHIO ALLA CONTABILITÀ”

Riforma pensioni, 3 novità da Poletti: “Ma occhio alla contabilità”

Pensioni, sempre loro sotto i riflettori. Prima, durante e anche dopo l’estate. La riforma tanto attesa consiste in una serie di interventi che andranno a incidere non solo sulle cosiddette pensioni d’oro (da sempre nel mirino di diverse forze politiche), ma anche su quelle minime che, stando alle ultime dichiarazioni, dovrebbero aumentare.

“Ci sono diverse posizioni, dipende dalle cose che si vogliono fare. L’aspirazione è fare il massimo, poi bisogna tenere conto della contabilità pubblica e quindi delle compatibilità” con questa: così il ministro del Lavoro Giuliano Poletti commenta la cifra circolata e indica “le pensioni minime, l’anticipo pensionistico e le ricongiunzioni onerose come i cardini su cui intervenire”.

Una cifra che, stando alle indiscrezioni trapelate da stampa e addetti ai lavori, dovrebbe aggirarsi intorno ai due miliardi di euro. Sicuramente l’anticipo pensionistico è una delle misure più attese e al tempo stesso discusse, ma è chiaro che l’attenzione è tutta (o quasi) verso l’aumento delle pensioni minime.
Riforma pensioni, 3 novità da Poletti: 'Ma occhio alla contabilità'

Un segno “più” che secondo alcuni giornali rischia però di essere solo a metà. Scrive ad esempio Il Tempo: “Considerato che la dote a disposizione del governo per l’intero dossier pensioni è attorno ai due miliardi di euro, e dunque la coperta è stretta, i tecnici sono al lavoro per restringere la platea delle minime da ritoccare all’insù. L’obiettivo è di dare più risorse a chi ne ha realmente bisogno. Per questo per sfoltire il numero dei beneficiari sarebbero depennati dall’incremento quelli che, oltre alla minima, percepiscono l’assegno di reversibilità. Nella scrematura si terrebbe poi conto della situazione reddituale dell’intero nucleo familiare. Così l’utilizzo dell’Isee (l’indicatore patrimoniale delle famiglie) che tiene conto dei redditi percepiti dal coniuge e della ricchezza immobiliare e mobiliare complessiva, porterebbe il numero di coloro ai quali sarebbe aumentata la rendita minima (oggi attorno ai 500 euro al mese) dai 3,5 milioni a circa un milione“.

05 settembre 2016 ore 9:19, Andrea De Angelis
http://www.intelligonews.it/articoli/5-settembre-2016/48068/riforma-pensioni-ministro-poletti-cernobbio-prestito-aumento-pensioni-basse-novita
Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF