confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

ANNO IV NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2021

HomeArchivio

23 giugno 2021

GLI ESPERTI RISPONDONO

Riforma della PA all’ultimo atto, Madia: “Licenziamenti non sono il cuore della Riforma”

(Teleborsa) – La Riforma della Pubblica Amministrazione è quasi pronta e non ci sarà alcuna sentenza della Consulta in grado di bloccarla. Lo ha detto il ministro della PA, Marianna Madia, nel corso della trasmissione L’intervista, condotta da Maria Latella, su Sky Tg24.

La Madia ha parlato di una “grande riforma”, anticipando che gli ultimi decreti attuativi arriveranno giovedì prossimo, con il Consiglio dei Ministri in calendario per quel giorno.

E la sentenza dell Consulta che ha bloccato il cuore della riforma (partecipate, dirigenti pubblici e servizi pubblici locali)? Il ministro ritiene che “non c’è alcun decreto della riforma che non sia pienamente efficace” dopo la sentenza in questione. La precisazione è arrivata in risposta alle ipotesi di ritiro dei decreti, subentrate all’indomani della sentenza, ma già a novembre si faceva salva la parte concernente il pubblico impiego, dato che questa parte della riforma era da ultimare entro febbraio.

La Madia ha parlato anche del tema spinoso dei licenziamenti nella PA, affermando “non sono contenta se aumentano i licenziamenti” ed affrettandosi a precisare che, comunque, i licenziamenti “non sono il cuore della riforma”. Questa, come ricordato dal ministro in un’altra intervista, prevede infatti “licenziamenti lampo” per i  furbetti del cartellino, ma anche 50 mila assunzioni, lo sblocco del turn over e la stabilizzazione di chi ha un contratto da almeno tre anni, in linea con la sentenza della Corte europea, in seguito recepita dalla Corte costituzionale.

Poi, il titolare della PA ha spiegato che questa riforma “supera la logica brunettiana della lista dei buoni e dei cattivi e introduce una valutazione collettiva, sulla squadra e sul servizio”.

Relativamente alle partecipate pubbliche, poi, la Madia ha precisato che molte delle 8 mila partecipate statali o comunali “sono inutili e devono chiudere”.

Riforma della PA all’ultimo atto, Madia: “Licenziamenti non sono il cuore della Riforma”

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF