confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

GLI ESPERTI RISPONDONO

Riforma della medicina del territorio. “Legge Balduzzi incompiuta ora puntiamo su Case e ospedali di comunità, assistenza domiciliare ‘hi-tech’ e nuove Rsa”. Il Piano del Ministero

Fabiana Dadone definisce lo sciopero dei sindacati “una scelta abnorme”. “Il 50% è una soglia minima, poi ognuno si organizzi in base alle proprie peculiarità”.

Smart working: parla la ministra Dadone

“Lo sciopero? Non ho remore a definire abnorme la scelta dei sindacati”. Lo dichiara in un’intervista a La Stampa il ministro della Pubblica amministrazione Fabiana Dadone, secondo la quale “dobbiamo evitare un nuovo lockdown generalizzato e tenere insieme la tutela della salute con l’erogazione dei servizi a cittadini e imprese”. Dadone poi assicura che “da parte nostra c’è sempre stata ricerca di dialogo e poi risposte nei fatti”, pertanto “uno sciopero in piena pandemia, e con la necessità per la Pa di supportare la ripresa del Paese, potrebbe apparire davvero poco giustificabile”.

Smart working: “Ciascuna amministrazione può aumentare in base alle necessità”

E sulla soglia minima del 50% da lei stessa fissata, invitando chi può a fare di più, la ministra Dadone osserva: “Si trattava di una percentuale secca e da metà settembre. Con il Dpcm del 13 ottobre invece abbiamo specificato che si tratta di una soglia minima che ciascuna amministrazione può aumentare in base alle proprie peculiarità: attività, capacità organizzative, requisiti tecnologici. Ci saranno enti capaci di arrivare persino all’80-90% ed enti che dovranno ancora implementare strumenti e procedure ‘agili’”.

E ai sindacati lamentano anche le scarse risorse per il rinnovo del contratto dice: “È una dote nettamente superiore rispetto alla precedente tornata: potranno essere riconosciuti incrementi del doppio rispetto all’inflazione e, dunque, una crescita dei salari non solo in termini nominali, ma anche reali. In un momento di straordinaria difficoltà del Paese è un risultato di grande rilievo”.

Smart working: “Non c’era tempo per un accordo ad hoc”

Il punto di divisione con i sindacati è lo smart working e l’uso che se ne fa, che a loro avviso rischia di mettere in discussione la contrattazione. Alla contestazione Dadone replica: “La contrattazione non viene intaccata dal decreto e non mi sognerei mai di farlo, anzi si richiama specificatamente il confronto sul lavoro agile, come previsto dai contratti e nel protocollo del 24 luglio”.

Secondo il ministro della Pa, poi, “ci sono esigenze organizzative collegate all’emergenza pandemica che richiedono una risposta rapida per tutelare la salute e assicurare i servizi” e pertanto visto l’emergenza incalzante “non c’era tempo per un accordo quadro ad hoc, è evidente”, dice a discarico del governo.

 

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF