confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

GLI ESPERTI RISPONDONO

Recovery fund: per la scuola ci saranno più di 20 miliardi, proprio come chiedevano i sindacati

Secondo quanto riporta l’Ansa sarebbero in aumento le risorse per la scuola previste dal Recovery Fund.
Nell’ultima bozza si parla di oltre 20 miliardi destinati alla ‘missione Istruzione’.
In particolare, aggiunge ancora l’Ansa, sarebbero previsti oltre 6,8 miliardi per l’edilizia scolastica e più di 14 per tutti gli altri capitoli fra cui accesso all’istruzione, potenziamento della didattica, percorsi professionali e Its.
La cifra inizialmente prevista era di circa 14 miliardi.
La somma complessiva è esattamente quella che da mesi chiedono anche le organizzazioni sindacali.
Va però chiarito che difficilmente da questi 20 miliardi si potranno ricavare risorse per gli stipendi o per gli organici che sono spese di carattere strutturale e quindi non finanziabili con fondi europei.
Ma il condizionale è assolutamente obbligatorio perché in questo momento siamo ancora alle fasi preliminari.
Il dibattito sulle concrete modalità di utilizzo dei fondi deve ancora iniziare e quindi è meglio aspettare qualche settimana per capirne qualcosa di più.

Alla segretaria nazionale Cisl Scuola Maddalena Gissi abbiamo chiesto un commento.
“Gli investimenti – ci dice Gissi – devono essere strutturali . Per garantire il diritto allo studio si devono individuare linee di d’indirizzo per qualificare il personale e per assegnare organici stabili . Non dobbiamo sprecare un’opportunità come questa dei finanziamenti europei ma servono misure e azioni in grado di rispondere ai bisogni di continuità, di formazione in servizio e di sistematicità degli interventi”.
“Serve una riflessione ordinamentale seria sui curricoli e sulle nuove competenze disciplinari – 
conclude Maddalena Gissi – sono necessari uomini e donne in grado di studiare e programmare per le future generazioni; ma anche infrastrutture materiali e immateriali al servizio del Paese”

FONTE: TECNICA DELLA SCUOLA (LINK: https://www.tecnicadellascuola.it/recovery-fund-per-la-scuola-ci-saranno-piu-di-20-miliardi-proprio-come-chiedevano-i-sindacati)

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF