confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

ANNO IV NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2021

HomeArchivio

22 giugno 2021

GLI ESPERTI RISPONDONO

Quando ad assegnare le cattedre ci pensano i giudici

La media sarebbe di circa “venti contenziosi al mese il volto litigioso della scuola salernitana. Lo scontro tra Ministero dell’Istruzione e docenti non è mai stato così frequente nelle aule di tribunale. È il contenzioso la costante della scuola salernitana”.

Lo scrive il Mattino che insiste su una questione che riguarda però nel suo complesso tutta la scuola nazionale e non solo quella salernitana: “C’è sempre qualcosa che non va, c’è sempre un esposto pronto a bloccare tutto e a rettificare questo o quel provvedimento dell’amministrazione scolastica”.

Il caso della docente scavalcata ingiustamente

Il quotidiano riporta per l’occasione il caso di una docente che ha avuto la sentenza favorevole da parte del giudice del lavoro perché sarebbe stata scavalcata ingiustamente da un collega con punteggio inferiore: «Non è stata data priorità al punteggio maggiore e dunque non è stato rispettato l’ordine di preferenza».

Un caso fra i tanti, ma sono troppi i casi in cui a decidere sulle sorti di moltissimi docenti non sono più le normative del Miur, evidentemente non impeccabili, ma le sentenze emesse dai giudici su ricorso del personale.

https://www.tecnicadellascuola.it/ad-assegnano-le-cattedre-ci-pensano-giudici

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF