confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

ANNO IV NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2021

HomeArchivio

23 giugno 2021

GLI ESPERTI RISPONDONO

Pubblica amministrazione: il nuovo contratto per statali

Verrà licenziato dal proprio lavoro chi commette molestie sessuali, ma le novità sono parecchie.

La #Pubblica Amministrazione ha dato il via al rinnovo della bozza di contratto per gli statali [VIDEO] ora rafforzata in quanto a sanzioni, la quale prevede tra le varie novità che chi si cimenta in molestie di carattere sessuali venga licenziato. La conseguenza immediata dovuta a questi atti è la sospensione dal proprio lavoro fino ad un massimo di sei mesi e se quel comportamento dovesse essere recidivo nell’arco di due anni scatterà il licenziamento. sia che la molestia sia più o meno grave. Inoltre, il licenziamento per gli statali scatterà anche con un comportamento di favoritismo là dove lo statale si adoperi accettando o chiedendo per sè o per terzi nell’ambito del proprio ufficio, ricevendo o donando per i favoritismi svolti, regali o altri utili con un valore al di sopra dei centocinquanta euro.

Sanzioni rafforzate

Nella bozza di contratto si trova un capitolo dedicato al #codice disciplinare, il quale riesuma il regolamento del 2013 sulla condotta chiarendo che nei casi di scambio di favoritismi sia prevista esplicitamente l’espulsione dal proprio posto lavorativo. Il regolamento sarà in funzione sia per per chi è destinatario dei doni come per chi ha come mittente l’impiegato, il rafforzamento della sanzione vale anche per altre situazioni come quella di un effettivo conflitto di interesse, oltre a valere per chi conclude affari nell’amministrazione con imprese le quali il dipendente abbia già avuto a che fare privatamente a titolo personale, stipulando contratti in entrambi le parti nell’arco del biennio precedente.

Sanzioni anche per pressioni

La sanzione massima è prevista anche per quelli che costringono i propri colleghi ad aderire ad organizzazioni o ad associazioni, mettendo in atto promesse di vantaggi o svantaggi di carriera lavorativa procurando così pressioni ai riceventi.

 Un’altra novità nel nuovo contratto sulle norme della condotta sono contenuti nel regolamento sulla trascrizione puntuale dei principi: mentre nei precedenti contratti il codice di condotta costituiva un allegato, ora viene reso tutto più chiaro con un codice di disciplina all’interno del contratto nazionale del lavoro [VIDEO]. Queste novità saranno pubblicizzate il più possibile per far sì che non rimangano come negli anni passati solo norme su carta, ma che vengano messe in atto nelle situazioni dove sono previste. Il #rinnovo di contratto rafforzato sarà al centro dell’incontro tra i sindacati e l’agenzia che rappresenta il governo nelle trattative l’Aran.
http://it.blastingnews.com/lavoro/2017/12/pubblica-amministrazione-il-nuovo-contratto-per-statali-002188821.html
Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF