confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

ANNO IV NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2021

HomeArchivio

23 giugno 2021

ANNO IV NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2021

HomeArchivio

20 settembre 2021

ANNO IV NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2021

HomeArchivio

14 dicembre 2021

ANNO V NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2022

HomeArchivio

22 marzo 2022

ANNO V NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2022

HomeArchivio

22 giugno 2022

GLI ESPERTI RISPONDONO

Pnrr, Brunetta “61mila candidature per 1.000 incarichi, straordinario”

ROMA (ITALPRESS) – Le 61mila candidature arrivate per i 1.000 incarichi professionali che le Regioni dovranno conferire per il Pnrr sono una “notizia straordinaria. Sono arrivate dentro un portale, inPA, una struttura moderna dove chiunque può inserire il curriculum e cercare lavoro nella Pubblica amministrazione”. Lo ha detto il ministro per la Pubblica amministrazione, Renato Brunetta, ai microfoni di Radio Anch’io su Rai Radio 1.
“Linkedin Italia ha 16 milioni di curricula. Ecco, noi abbiamo realizzato una piattaforma simile tutta dedicata al lavoro pubblico. Anche perchè soltanto il Pnrr richiederà 1 milione-1,2 milioni di professionalità e di lavoratori nei prossimi cinque anni. Con il portale abbiamo posto le basi della modernità per l’accesso alla Pubblica amministrazione, con un meccanismo di trasparenza e velocità”.
(ITALPRESS).

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF