confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

GLI ESPERTI RISPONDONO

“Più ore di lavoro? No, siamo già sovraccarichi e oberati di burocrazia. In classe non si improvvisa”

Fa discutere la proposta dell’Aran riguardo l’aumento dell’orario di lavoro. In base alle ultime indiscrezioni per i docenti ci sarebbero delle funzioni obbligatorie su decisione dei presidi. A Il Messaggero, interviene Ludovico Chianese, docente di storia e filosofia al Liceo Classico “Sbordone” di Napoli. L’insegnante si dice contrario all’aumento: “Assolutamente no, la bozza di contratto contiene richieste irricevibili per noi docenti. Con la legge della Buona scuola gli insegnanti hanno subito un sovraccarico di lavoro senza fine: si aggiungono compiti su compiti e la burocrazia non ci aiuta. […] Non possiamo pensare che i docenti entrino in classe ed improvvisino al momento. Insegno in un liceo e ho 18 ore in classe a cui, mediamente, se ne aggiungono altre 18 ore a casa. […] Non è giusto affidare le decisioni al preside, mancano le delimitazioni dei compiti dei dirigenti scolastici. Anche loro sono carichi di lavoro e in questo modo cercano di obbligare i docenti ad aiutarli”.
Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF