confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

ANNO IV NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2021

HomeArchivio

22 giugno 2021

GLI ESPERTI RISPONDONO

Pensioni, si va verso Quota 100 “depotenziata”: che cosa significa | Ultime notizie „Pensioni, tra illusioni e realtà si va verso quota 100 “depotenziata”: che cosa significa“

Per introdurre la riforma delle pensioni in chiave quota 100 resta il problema delle coperture: vengono analizzate e valutate le ipotesi “di riserva” per superare la legge Fornero

Trovare una “sintesi” sulle pensioni è una delle imprese più dure per il governo Lega-M5S, tra promesse elettorali ambiziose e conti da far quadrare. Il taglio delle pensioni cosiddette d’oro “fa parte del contratto di governo, poi vedremo i profili costituzionali. Chi prende una pensione superiore ai cinquemila euro senza aver pagato i contributi non si vede perché debba prendere di più” ha spiegato il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Giancarlo Giorgetti, Lega, a Otto e mezzo (La7).

Taglio delle pensioni d’oro

Il taglio delle pensioni d’oro ci sarà, ma la formula precisa deve ancora essere trovata. La sensazione è che sarà più semplice trovare la quadra su questo versante, piuttosto che sulla ormai celebre “quota 100”.

“Abbiamo depositato oggi in Commissione Lavoro alla Camera la proposta di legge per tagliare finalmente le pensioni d’oro. La Commissione comincerà l’esame della legge la  prossima settimana. Andremo a ricalcolare secondo il metodo contributivo tutti gli assegni superiori ai 4.500 euro al mese”. Così in una nota Maria Pallini, capogruppo M5S in Commissione Lavoro alla Camera dei deputati. “È un segnale importante nella nostra lotta agli sprechi”

Quota 100, ultime notizie

Per introdurre la riforma delle pensioni in chiave quota 100 resta il problema delle coperture: solo sforando il deficit le varie quota 100, reddito di cittadinanza e flat tax possono essere messe nero su bianco. Giorgetti conferma: “Si può arrivare anche allo sforamento del 2% ma non con provvedimenti di tipo demagogico per acquisire consenso”. Nella maggioranza il confronto è continuo e aspro, perché Lega e M5S sanno di giocarsi molto con la Legge di Bilancio. Il ministro dell’Economia Tria ripete però spesso che i presunti benefici di un incontrollato  aumento del deficit rischiano, poi, di essere annullati dall’aumento degli spread.

Parliamo di numeri: quota 100 costerebbe, secondo le stime arrivate al ministero del Lavoro, circa 8 miliardi nel 2019. Dal prossimo anno per andare in pensione di vecchiaia servono 67 anni d’età (e 20 anni di contributi). Per la pensione anticipata servono ora come ora almeno 43 anni e 3 mesi di contributi per i lavoratori, un anno in meno per le lavoratrici. Quota 100 invece prevede in teoria l’accesso alla pensione già a 62 anni d’età, purché si abbiano 38 anni di contributi.

Per contenere i costi, vengono analizzate e valutate le ipotesi “di riserva”: come scrive il Corriere della Sera, il governo potrebbe decidere di applicare il ricalcolo contributivo (sui versamenti dal 1996 in poi) per chi va in pensione con quota 100, il che significherebbe prendere un assegno più basso (del 10-15%). Oppure consentire non più di due anni di contributi figurativi e agganciare quota 100 agli scatti biennali della speranza di vita.

Confintesa: “Quota 100 è un’illusione”

“La riforma Fornero i danni maggiori gli ha già provocati con gli esodati a cui nessuno restituirà ciò che hanno perduto” dice Francesco Prudenzano, Segretario Generale di Confintesa, in merito alla proposta governativa sulle pensioni a quota 100, fortemente voluta dalla Lega.

“Ci sono ancora circa seimila persone – continua Prudenzano – che nel 2011 furono bloccati nel limbo degli esodati e che da anni dovevano usufruire della pensione ma, in assenza della nona salvaguardia, non possono accedere ad un loro diritto. Un fatto grave se si pensa che la nona salvaguardia sarebbe finanziata dai risparmi delle precedenti salvaguardie e quindi avrebbe un costo zero per le casse dello stato. Inoltre, la tanto decantata quota 100 potrebbe – continua Prudenzano – certamente liberare alcuni posti di lavoro ma non è automatico che i giovani possano usufruire di questo turn over se non si mettono in atto politiche del lavoro che favoriscano gli investimenti e riducano la pressione fiscale sulle imprese. Chiediamo e ci chiediamo, – conclude Prudenzano – quanti sono i giovani che si sono inseriti nel mercato del lavoro a 24 anni e che dopo 38 anni, raggiunti i 62 anni di età, potranno usufruire della quota 100″.

http://www.today.it/economia/quota-100-pensioni-novita-ultime-notizie.html

 

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF