confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

ANNO IV NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2021

HomeArchivio

23 giugno 2021

ANNO IV NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2021

HomeArchivio

20 settembre 2021

GLI ESPERTI RISPONDONO

Pensioni precoci al 3 ottobre, ecco i destinatari del provvedimento

Pensioni precoci al 3 ottobre, ecco i destinatari del provvedimento

Cambiano le regole in materia di pensioni precoci: la Quota 41 sarà dispensata sulla base di particolari requisiti.

Con la nuova riforma delle #Pensioni, pezzo forte della prossima legge di Stabilità, i lavoratori #precoci si vedranno finalmente garantita la possibilità di andare in pensione in via anticipata. Non tutti, però: stando ai risultati del primo confronto, i fondi sarebbero insufficienti per l’estensione della #quota 41 all’intera categoria. Di contro, Governo e rappresentanze avrebbero optato per una meno onerosa opzione tra i cui beneficiari compariranno solo i precoci versanti in condizioni lavorative particolarmente gravose.

Dapprima ignorati, poi discriminati, i lavoratori precoci sono sempre stati scarsamente considerati. Così, a detta degli stessi rappresentanti della categoria, l’odierna proposta di riforma altro non è che un ulteriorediscriminante nei confronti di quei precoci che, pur non lavorando in circostanze particolarmente “svantaggiate”, hanno comunque iniziato la loro carriera da giovanissimi e, come gli altri, sarebbero meritevoli di flessibilità.

Chi sono, dunque, i fortunati destinatari della Quota 41? Di seguito il dettaglio.

Pensioni precoci, provvedimenti e platee

Stando a quanto trapelato dagli incontri, il primo requisito per beneficiare della Quota 41 sarebbe quello di aver versato almeno 12 mesi di contributi (anche non continuativamente) prima del compimento del diciannovesimo anno di età.

 Ulteriore scrematura è quella relativa all’esercizio di attività usuranti o ragione di particolare stress secondo la normativa e mirate analisi scientifiche internazionali. Si prenderanno poi in esame gli indici di infortunistica e malattie professionali, oltre a includere disabili e disoccupati.

La riforma Pensioni è (quasi) pronta: mettendo da parte le disposizioni su illustrate, restano da definire solo pochi dettagli circa APe e ottava salvaguardia. Come da prassi, la legge di Stabilità 2017 verrà presentata tra pochi giorni e approvata entro fine anno. Da parte loro, i precoci auspicano in una giusta ridefinizione delle platee, per una Quota 41 finalmente per tutti o, come da slogan, “senza se e senza ma“. Per ulteriori aggiornamenti, clicca sul tasto “Segui” accanto alla firma.

http://it.blastingnews.com/lavoro/2016/10/pensioni-precoci-al-3-ottobre-ecco-i-destinatari-del-provvedimento-001158001.html

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF