confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

ANNO IV NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2021

HomeArchivio

23 giugno 2021

ANNO IV NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2021

HomeArchivio

20 settembre 2021

GLI ESPERTI RISPONDONO

Ore eccedenti, meno opportunità per i precari

 Martedì, 19 Settembre 2017

Sulle ore eccedenti il precario non ha chance. Si tratta – sottolinea Italia Oggi nel consueto inserto dedicato al mondo della scuola – di uno degli effetti dell’organico dell’autonomia.

Unificando i codici delle scuole dello stesso ordine e grado di cui si compongono gli istituti di istruzione superiore e istituti comprensivi ha cancellato i limiti di accesso alle ore eccedenti per i docenti interni della stessa istituzione scolastica.

Pertanto, a partire da quest’anno, le ore eccedenti riguardanti gli spezzoni fino a 6 ore dovranno essere proposti anche ai docenti che insegnano in scuole diverse. Un esempio.

Se un istituto superiore è composto da classico e scientifico (che fino all’anno scorso avevano codici diversi ai fini della mobilità) e le ore eccedenti risultano nel liceo classico, a tali ore potranno aspirare anche i docenti del liceo scientifico. Ciò vale anche in riferimento a comuni diversi. La preclusione permane, invece, se le ore eccedenti risultino nei corsi serali. Pertanto, qualora la disponibilità delle ore eccedenti risulti presso il corso serale, queste ore possono essere assegnate solo ai docenti che lavorano in tale corso.

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF