confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

ANNO IV NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2021

HomeArchivio

23 giugno 2021

GLI ESPERTI RISPONDONO

Opzione donna, è flop. Nel 2016 liquidate 4mila pensioni in tutto settore pubblico, 1200 euro mese

di Anselmo Penna

Nel 2017 sono, invece, 369. Un numero esiguo di richieste che dimostra scarso interesse da parte delle lavoratri donne per questo canale di pensionamento.

Si tratta della possibilità per le lavoratrici del settore pubblico e privato hanno di andare in pensione a 57 anni (58 se autonome) con 35 anni di contributi a condizione di accettare una pensione calcolata con il metodo contributivo

Secondo i dati forniti dall’Inps,  in totale le pensioni liquidate dal 2016 fino ad oggi sono 18.743; di queste, 14.083 sono del settore privato e 4.660 del settore pubblico.

Per  quanto  riguarda  l’importo  medio erogato, è di circa 1.000 euro per le lavoratrici dipendenti del settore privato e di circa 800 euro per le lavoratrici  autonome,  mentre  per  le  lavoratrici del settore pubblico è di circa 1.200 euro.

Opzione donna, è flop. Nel 2016 liquidate 4mila pensioni in tutto settore pubblico, 1200 euro mese

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF