confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

GLI ESPERTI RISPONDONO

Nuova mobilità, addio titolarità su scuola: chi va nell’ambito potrà fare 300 chilometri al giorno

Nuova mobilità, addio titolarità su scuola: chi va nell’ambito potrà fare 300 chilometri al giorno

Domenica, 30 Ottobre 2016

Quali sono i docenti che verranno coinvolti nella mobilità su ambito territoriale, con tutto ciò che ne consegue? Quali sono i rischi che corrono questi insegnanti?

Diciamo, innanzitutto, che si tratta dei docenti neo-assunti, i docenti soprannumerari e coloro che faranno domanda di trasferimento volontaria (provinciale o interprovinciale): tutti, indistintamente, non si muoveranno più sulla singola scuola. Rispetto alla quale perderanno, senza mai recuperarla, se non cambieranno le regole, pure la titolarità.

Perché con la Buona Scuola sparisce il concetto del docente che se non ha più posto nella propria scuola, si sposta su un altro istituto: si sposterà, invece, nell’ambito territoriale. E se non c’è posto anche nella Regione di appartenenza.

La Legge 107/2015, del resto, parla chiaro: il comma 73 dice che “dall’anno scolastico 2016/2017 la mobilità   territoriale e professionale del personale docente opera tra gli ambiti territoriali”.

Tanto per intenderci, quindi, un docente di Roma che perde posto, potrebbe trovarsi in un istituto collocato in un ambito territoriale ai confini dell’Umbria o della Campania, quindi anche a 150 chilometri di distanza.

E lì che potrebbe essere infatti collocato il docente, qualora il sistema telematico dell’ufficio scolastico territoriale non trovi una scuola più vicina.

Come già rilevato, a rischiare di più, come logica vuole, saranno i docenti delle discipline più tecniche e specifiche della scuola secondaria superiore: un insegnante (laureato o di laboratorio) di ceramica, di arti navali o ottica, che, in pratica, perde posto nella propria scuola, rischia più degli altri di finire nel girone “infernale” degli ambiti. Perché spesso non ci sono istituti limitrofi che possono accoglierlo. E se si è particolarmente sfortunati, si finisce in un altro capoluogo regionale. Con 300 chilometri da fare tutti i giorni, tra andata per arrivare a scuola e lo stesso tragitto al contrario per tornare a casa.

http://www.ilgiornale.it/news/politica/governo-molla-salve-pensioni-pi-alte-1325251.html

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF