confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

ANNO IV NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2021

HomeArchivio

23 giugno 2021

GLI ESPERTI RISPONDONO

Messa: “Chi pilota i concorsi via dall’università. Dal Recovery Plan 15 miliardi, un’occasione per il rilancio”

“Le storie di cattivi concorsi pubblici e inchieste di magistratura che ho letto nell’inchiesta ‘Agnese nel Paese dei baroni’ non devono essere sottovalutate, devono essere studiate e condannate, ma non rappresentano l’intera università italiana”. Ma ”chi sbaglia o recluta male deve uscire dal sistema, deve essere destituito”.

Lo afferma la ministra dell’Università e della Ricerca Maria Cristina Messa in un’intervista a Repubblica.

”Le falle principali sono nel metodo di abilitazione e nei bandi locali. Oggi il sistema è confuso tra l’abilitazione esterna, i rettori che non entrano nei contenuti della prova, i dipartimenti che possono fare scelte di cui poi non si prendono la responsabilità. La vera rivoluzione arriverà quando ci ispireremo alle pratiche realizzate all’estero. Si devono identificare i candidati migliori, le figure che possono coprire un’area, avviare un sistema di cooptazione a un livello molto alto. E poi avere commissioni allargate al mondo esterno, all’industria, all’estero. I commissari devono essere eccellenti per giudicare candidati eccellenti. A volte in alcuni atenei prevale una cultura localistica”.

Quanto ai fondi del Recovery, Messa invita a contare ‘‘tutti insieme i finanziamenti e scopriremmo che l’università dispone di 15 miliardi. Sono più preoccupata da come li spenderemo”.

Di redazione

FONTE: ORIZZONTE SCUOLA (LINK: https://www.orizzontescuola.it/messa-chi-pilota-i-concorsi-via-dalluniversita-dal-recovery-plan-15-miliardi-unoccasione-per-il-rilancio/)

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF