confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

ANNO IV NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2021

HomeArchivio

23 giugno 2021

ANNO IV NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2021

HomeArchivio

20 settembre 2021

ANNO IV NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2021

HomeArchivio

14 dicembre 2021

GLI ESPERTI RISPONDONO

La scuola sciopera ma la manovra è blindata, Di Meglio (Gilda): “Draghi ha concesso solo 600 milioni per l’universo mondo”

Le speranze che gli emendamenti alla Legge di Bilancio possano portare un po’ di soldi alla scuola sono vicine allo zero. A confermarlo sono stati i partiti della maggioranza che, a turno, stanno incontrando i rappresentanti dei sindacati Flc-Cgil, Uil Scuola, Snals e Gilda, che assieme ad Anief, Cobas, Unicobas e altre organizzazioni, hanno proclamato lo sciopero della scuola il 10 dicembre con corteo, dalla Piramide, e sit in davanti al ministero dell’Istruzione.

Di Meglio: i partiti sono con noi, ma…

“I partiti che sostengono il Governo continuano a dire che sono d’accordo con noi – dice Rino Di Meglio, leader della Gilda, alla Tecnica della Scuola – oggi incontreremo anche Forza Italia e Fratelli d’Italia, ma rimane un dato di fatto che non ci sono soldi. Nel senso che il premier Mario Draghi ha dato come disponibilità da gestire in questa fase non più di 600 milioni per l’universo mondo di necessità che l’Italia ha in questo difficile momento, quindi pure per gestire la pandemia”.

“Noi – ha concluso Di Meglio – non comprendiamo perché alla scuola continua ad essere riservato un ruolo marginale e non centrale nella politica del Paese. Per questo domani scioperiamo e manifestiamo a Roma”.

Gli emendamenti richiesti

È sempre più chiaro, quindi, che quando si tratterà di decidere il destino degli emendamenti, per l’Ufficio di presidenza e per la Ragioneria generale dello Stato non vi sarà molto da decidere.

Tra le tante richieste giunte per la scuola, ricordiamo, c’è la richiesta, tra le altre cose, di fondi per il rinnovo del contratto e per gli stipendi, per la formazione in servizio, per nuovi percorsi abilitanti, le conferme e assunzioni in ruolo, l’eliminazione del vincolo mobilità per i neo assunti, la conferma sino alla fine dell’anno scolastico dell’organico Covid anche per gli amministrativi, tecnici e collaboratori scolastici.

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF