confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

ANNO IV NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2021

HomeArchivio

23 giugno 2021

ANNO IV NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2021

HomeArchivio

20 settembre 2021

ANNO IV NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2021

HomeArchivio

14 dicembre 2021

ANNO V NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2022

HomeArchivio

22 marzo 2022

ANNO V NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2022

HomeArchivio

22 giugno 2022

GLI ESPERTI RISPONDONO

Invalsi 2022, apprendimenti in calo. Per 6 docenti su 10 è colpa delle classi pollaio, del “tutti promossi” e dei progettifici – Esiti SONDAGGIO

Come ogni anno in anno in questo periodo, alla pubblicazione dei risultati Invalsi ha fatto immediato seguito l’avvio della “caccia” ai responsabili del calo degli apprendimenti e dell’elevata dispersione scolastica nelle scuole italiane. La Tecnica della Scuola ha cercato di fare chiarezza organizzando un sondaggio su questo tema: ebbene, la maggioranza assoluta dei quasi 600 lettori che hanno risposto, quasi il 90% docenti, attribuisce alle classi pollaio la causa principale della riduzione di conoscenze e competenze in circa la metà degli alunni italiani. La pensano in questo modo, attribuendo la responsabilità quindi alle classi affollate, ben due insegnanti su tre.

Una situazione, tra l’altro, che ha origine in tempi non sospetti, ben prima della pandemia, poiché figlia della riforma Tremonti-Gelmini approvata nel 2009 (Dpr 81), che ha alzato la quantità di alunni collocati in ogni aula scolastica: ora, tanti lettori ritengono che proprio l’alta numerosità degli alunni in classe renda effettivamente più difficile realizzare un tipo di didattica realmente efficace.

Una scuola efficace, sempre per i lettori della Tecnica della Scuola, è quella che può predisporre approcci personalizzati, attivi, cooperativi, arricchiti da metodologie innovative. Il punto è che in classi numerose, spesso con alunni Dsa, Bes e con disabilità, l’unica cosa che il docente riesce a portare a termine è la lezione frontale. E quella personalizzata non può avere l’attenzione che merita.

Il limite, che in quasi 15 mila classi si traduce in oltre 26 iscritti, dovrebbe risolversi nel giro di pochi anni, promette il ministro Bianchi riportando le proiezioni sui tassi di natalità: “Il vero problema del paese è che tra il 2021 e il 2031, noi perdiamo 1 milione e 400mila bambini, cioè si arriverà a un’emergenza nazionale”.

“Io – ha detto il ministro – ho qui i dati che ci dicono che noi abbiamo una media per la primaria che va da 19 a 18 alunni per classe; per la scuola media si va da 20 a 20,2 alunni per classe; e nelle superiori siamo tra 20,9 e 20,2. Questa è la media. Poi nella scuola superiore possiamo ancora rilevare qualche addensamento come effetto ritardato della curva demografica. Ma il nostro problema sarà come fare a tenere aperte le scuole. Ad esempio nelle Marche,” ha concluso il ministro.

Peraltro la risposta “Servono classi con pochi alunni” resta preponderante anche tra chi insegnante non è. Infatti, anche le famiglie (almeno il 50% di loro) ritengono che la scuola dovrebbe puntare a costituire classi poco numerose.

Tra gli altri fattori indicati come possibile motivazione delle basse performance raggiunte dai nostri alunni, circa il 10% dei docenti per migliorare la situazione vorrebbe invece una didattica più attiva e meno tradizionale, ma anche una formazione migliore.

Le opzioni tra le quali i lettori della Tecnica della Scuola sono stati chiamati a scegliere

  • Insegnanti più formati
  • Classi con pochi alunni
  • Famiglie più coinvolte
  • Più didattica attiva e meno lezioni frontali
  • Compresenza tra docenti, specie nelle scuole di frontiera
  • Più tempo pieno

Altre risposte frequenti

Diversi lettori della Tecnica della Scuola hanno preferito rispondere al sondaggio con il quesito a risposta aperta, che ha permesso loro di esprimere suggerimenti diversi. Segnaliamo in particolare due tematiche ricorrenti: la causa dell’attuale stato di cose viene attribuito alla facilità della promozione (si chiede una scuola più severa) e al dilagare dei progetti a discapito della didattica nella scuola, spesso definita per questo progettificio.

Cosa serve a scuola secondo i nostri lettori

  • ritornare ai voti, no competenze, ripristinare voto di condotta;
  • migliore selezione tra gli insegnanti;
  • togliere la scuola dalle mani di sociologi e politici;
  • persone più competenti al ministero dell’Istruzione;
  • zero progetti, progettini e laboratori. Priorità alla didattica;
  • tornare a fare scuola come una volta, basta con tutti questi progetti fatti durante le ore curriculari. Noi insegnanti dobbiamo tornare a insegnare senza occupare i pomeriggi a fare i burocrati o i corsisti di corsi inutili;
  • meno progetti e più lezioni; dare il giusto valore all’impegno e non dare la sufficienza a prescindere visto che si illudono gli alunni;
  • studenti meno viziati dalle famiglie e più responsabili;
  • serietà in tutto: selezione dei docenti, impiego risorse in modo efficiente (evitiamo pon a cui partecipano 2 alunni, corsi di recupero inutili senza frequenza di studenti), gratificazione dei docenti che meritano attenzione;
  • insegnanti che amino il lavoro e non lo facciano per ripiego, e sicuramente classi meno numerose, già dall’infanzia, sezioni da 28 bambini sono eccessive, gruppi di 16/18 sono l’ideale;
  • serve che i ragazzi studino e che la società tutta dica che studiare fa bene e serve;
  • valutazioni più oggettive e non ammissioni alla classe successiva più frequenti.
Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF