confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

ANNO IV NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2021

HomeArchivio

22 giugno 2021

GLI ESPERTI RISPONDONO

Insegnanti di educazione motoria alla primaria: lo prevede già la “Buona Scuola”

A cadenza periodica ritorna il tormentone dell’inserimento nella scuola primaria di insegnanti specializzati in educazione motoria.
E’ di queste ore anche una dichiarazione in tal senso del ministro dell’istruzione Marco Bussetti.

Cosa prevede la legge 107

Al momento non è del tutto chiaro quale percorso normativo e amministrativo intenda percorrere il Ministro, ma la strada potrebbe essere quella di fare riferimento alla “Buona Scuola”.
Il comma 20 dell’articolo 1 della legge 107/2015 contempla infatti già questa possibilità in quanto prevede che  per  l’insegnamento  della  lingua  inglese,  della  musica  e dell’educazione  motoria  nella  scuola  primaria  si possono utilizzare,  nell’ambito delle risorse di organico disponibili, docenti  abilitati all’insegnamento per la scuola primaria  in  possesso  di  competenze certificate ma anche docenti  abilitati  all’insegnamento  per  altri gradi di istruzione in qualità di  specialisti; in questo secondo caso, però, ai docenti deve essere assicurata una specifica formazione nell’ambito del  Piano  nazionale di formazione previsto dal comma 124 della legge stessa.

Ma ci vuole un piano operativo

Sotto il profilo normativo non ci sono quindi ostacoli a realizzare il progetto, ma è evidente che per tradurlo in pratica è necessario mettere a punto un piano operativo che tenga conto anche degli aspetti contrattuali: per esempio, i docenti di secondaria che operano come specialisti nella primaria sono tenuti a prestare servizio per 18 o per 22 ore ? E se addirittura intervenissero nell’infanzia come qualcuno prospetta dovrebbe svolgere 25 ore di insegnamento?
Insomma c’è qualche nodo da risolvere, e non è detto che i sindacati non chiedano di aprire un tavolo sulla questione.
Per intanto, però, siamo ancora fermi agli annunci e alle dichiarazioni di buone intenzioni.

Insegnanti di educazione motoria alla primaria: lo prevede già la “Buona Scuola”

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF