confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

ANNO IV NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2021

HomeArchivio

22 giugno 2021

GLI ESPERTI RISPONDONO

Il governo molla: salve le pensioni più alte

Il governo molla: salve le pensioni più alte

Da gennaio stop al contributo di solidarietà dopo 3 anni: aumenti tra il 6 e il 18% per assegno

Roma Buone notizie per i pensionati considerati «d’oro». Dirigenti, professionisti, medici che incassano assegni mensili 14 volte sopra il minimo, quindi che percepiscono una pensione sopra i 4.300 euro netti, da gennaio si ritroveranno con una somma più alta rispetto agli ultimi tre anni.

Aumenti dal 6% al 18% a seconda dell’importo della pensione.

Non si tratta di un aumento, ma della fine del contributo di solidarietà sulle pensioni introdotto nel 2015. La fine del taglio alle pensioni d’oro è una delle novità della legge di Bilancio del 2017, anche se non è merito del governo di Matteo Renzi.

La storia è questa. La legge di Stabilità del 2014 introdusse un «contributo di solidarietà», cioè un prelievo valido tre anni. Le pensioni sopra i 91.344 euro decurtate del 6 per cento. Quelle sotto i 130 mila e 358 euro del 12% quelle sopra i 195 mila euro e 538 euro del 18%.

I pensionati colpiti erano 40 mila. Sul contributo pendevano decine di ricorsi che hanno tenuto il governo di Matteo Renzi con il fiato sospeso. La prospettiva di dovere restituire i soldi ai pensionati e di dovere rivedere i bilanci degli anni futuri non piaceva all’esecutivo.

La Corte costituzionale ha respinto i ricorsi, con una sentenza che ha giustificato il taglio alle pensioni d’oro, non come un aumento delle tasse, ma come un contributo «interno al circuito previdenziale, giustificato in via del tutto eccezionale dalla crisi contingente e grave del sistema».

In sostanza, i giudici hanno graziato il governo da una restituzione dei contributi, ma hanno sottolineato come il taglio delle pensioni dovesse essere temporaneo e quindi finire a scadenza naturale. Al governo non è restato altro che fare decadere il «contributo di solidarietà».

Decisione non del tutto scontata. Nei mesi scorsi si erano rincorse le voci di una nuova edizione del contributo di solidarietà per iniziativa del governo Renzi. Magari per sostenere il finanziamento delle nuove misure sulle pensioni o per la nuova salvaguardia degli esodati, che è stata inserita nella manovra, ma che è meno generosa del previsto.

Se il governo avesse mantenuto il contributo di solidarietà avrebbe guadagnato il plauso di Tito Boeri, presidente dell’Inps che si batte per un riequilibrio del sistema pensionistico che si basi proprio su contributi di chi percepisce pensioni alte calcolate con il sistema retributivo.

Ma il rischio per il governo era quello di finire in mezzo a un’altra raffica di ricorsi. Un fastidio, più che un pericolo per i conti, visto che la scure sulle pensioni d’oro dà pochissimo al bilancio dello Stato.

Meno di 100 milioni all’anno. Si tratta di una misura dal carattere simbolico che i governi del passato (ci sono stati altri due tagli alle pensioni più alte) adottavano per accontentare chi nella maggioranza chiedeva misure di equità, o di redistribuzione del reddito. Decisioni del genere non sono nel Dna del governo Renzi. Scontentare una platea, limitatissima, di pensionati non è il massimo, soprattutto in periodo elettorale

http://www.ilgiornale.it/news/politica/governo-molla-salve-pensioni-pi-alte-1325251.html

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF